tu….

tu…

amico tarallo,

che mentre scrivo la tesi mi chiami a gran voce dalla credenza,

si proprio tu…pieno di strutto e con quelle belle mandorle tostate sopra, che cerchi di attirare la mia attenzione affinchè io ti prenda e ti accompagni a quella bella dreher fredda che tengo lì nel frigo, secondo la sacra legge tramandata degli antichi del TARALLO CON BIRRA.

tu amico tarallo, forse saremmo stati bene insieme ma non è questo il tempo giusto…magari in un altro tempo, in un altro luogo…

il problema non sei tu, sono io…non ti merito…credo che dovremmo vedere altra gente..sai l’estate si avvicina…perdonami se puoi..

tu….

amico testimone di Geova,

che mentre scrivo la tesi bussi all’impazzata a casa mia facendomi prendere un colpo..

Tu che inizi la conversazione (non richiesta) con un lapidario "MA SECONDO TE COSA PUò FARE DIO PER I GIOVANI?" mentre io ancora tento di regolarizzare i battiti del cuore dopo lo spavento del tuo uso troppo libertino del mio campanello, mentre io ero concentratissima a scrivere di peni, vagine ed altre amenità…

Tu che nonostante faccia un caldo boia giri con il tuo tailleur nero a maniche lunghe e poi vorresti anche entrare a casa mia a diffondere i miasmi di una scella provata dal continuo evangelizzare sotto il sole…

Io non voglio essere violenta, no

ma la prossima volta ,ti giuro su qualunque divinità tu sponsorizzi, ti faccio accomodare , metto il ferro da stiro in corrente, ti intrattengo finchè è caldo e poi te lo suono in testa…..

e mentre tu fuggi ti scaglierò dietro la testa tutti i numeri di TORRE DI GUARDIA , TORRE DEL GRECO, SVEGLIATEVI, CIOè  e tutti i giornalini che porti con te nella tua opera di tranciamento dei maroni…

 

….tutti sono contro di me…

Annunci
Contrassegnato da tag ,

16 thoughts on “tu….

  1. arpista ha detto:

    cara serena, mi duole dirtelo, ma secondo la mia esperienza i testimoni di geova…portano sfiga…!!!!!!! Ogni volta che vengo fermata o citofonata da loro mi capita qualche rogna… E Cesena è INVASA da testimoni di Geova celati dietro anonime vecchiette che mi fregano sempre: io, pronta a dare una indicazione alla povera decrepita, vengo perennemente fregata dal loro dolce sorriso di innocenti vecchine in preda all’Alzheimer… maledette…

  2. sorellecontro ha detto:

    noooooooooooooooooooooooooooo
    un motivo in più per “randellarli” allora!

  3. utente anonimo ha detto:

    vabbene(anzi vabbuò) mia cara SORELLECONTRO, mi presento, mi chiamo nina, e sono la tua anonima concittadina. almeno ora sappiamo rispettivamente il nome l’una dell’altra. quindi puoi dirmi il tuo indirizzo.
    comunque qui a napoli in una sola sera, in piazza del gesù TREDICI ( e dico tredici) persone, credo testimoni di geova, ma non sono sicura, forse erano solo sfrantumapalle cattolici, hanno provato a fra entrare me e un mio amico in chiesa, e non sono stati scoraggiati minimamente dal fatto che il mio amico è gay ( io e lui continuavamo a ripeterglielo sperando di allontanarli, ma solo una signora si è allontanata schifata, mannacc’!!!)
    Ah e poi ci hanno dato degli inviti, tipo quelli dei locali, in cui eravamo gentilmente invitati a partecipare a un GOD’S PARTYYYYYYY!!!!
    YEAAAAAAHHHHHHH!!!!
    in questi momenti penso che vorrei essere natamoscerino, due settimane e via! tutto finito.

  4. sorellecontro ha detto:

    oh ciao cara nina!!!
    io sono stata a scuola per 5 anni a piazza del Gesù ma quando la frequentavo io non giravano persone del genere!!!fortunatamente ahahahah
    cavolo però nessuno mi ha mai invitata ad un GOD’S PARTY….ora che me ne sono resa conto la mia vita si è svuotata di significato…
    io voglio andare ad un GOD’S PARTY…

  5. KAMIA ha detto:

    io chiamavo tarallo uno al liceo con me!
    dopo al prima frase nell amia deificienza totale, pensavo che parlassidi lui…
    picchiami pure x come sono stupida vai!

    p.s. quando mi hai mandato il mess che eri a napoli io ero a casa di mi azia in montagna senza neanche un soldo nel cell!

    baciiiiiiiiii

  6. sorellecontro ha detto:

    ua mo me lo schiatterei volentieri un tarallo….

    anche se “tarallo” in napoletano è anche un modo per dire “Capezzolo”….quindi detto così sembra che mi schiatterei “un capezzolo”
    errata corrige allora
    “ua ora me lo degusterei proprio un gustoso pretzel alle mandorle e allo strutto”

  7. utente anonimo ha detto:

    E’ vero che non sono proprio napoletana napoletana come te…però sto fatto del tarallo/capezzolo non l’avevo mai sentito…! Vabbè lo aggiungerò alle altre parole che mi ha insegnato questa testata pedagogica, come “can e’ pè”, “lota” e altre perle simili.
    Certo ora che ci penso immaginarti a schiattarti un capezzolo fa una certa impressione!!

  8. utente anonimo ha detto:

    Ma cazzo non mi firmo mai!!!!!!!!
    Valeria

  9. utente anonimo ha detto:

    ehm……………immagino che il tuo liceo sia il genovesi….no sai perchè è stato anche il mio………….
    nina

  10. utente anonimo ha detto:

    ue valerie…finalmente sei tornata..credevo non mi avresti mai più commentata 😦
    cmq il parallelismo capezzolo=tarallo è molto volgare…non mi stupisco che una signorina in età da marito come te non l’abbia mai sentito..ehehehe è proprio roba da bassifondi ahaha

    @Nina….nooooooooooooooooo anche tu sei del genovesiiii?????
    ti prego non dirmi che avevi chiappinelli!!!!
    ma quando ti sei diplomata nel glorioso genovesi in mezzo alla crema della nobiltà napoletana? (dove io c’entravo come la grappa a colazione??)

  11. utente anonimo ha detto:

    ehmm quella di prima ero io…

    sorellecontro

  12. utente anonimo ha detto:

    Dai in fondo ho commentato solo 3 post fa riguardo la cacca dei bimbi! Ma, tornando al tarallo, istruiscimi, l’analogia è dovuta alla forma simile? Cioè si riferisce all’areola?

    Valeria
    una signorinella in età da marito

  13. sorellecontro ha detto:

    beh si credo sia dovuto ad una vaga somiglianza nella forma…ma non saprei
    mistero!

  14. utente anonimo ha detto:

    penso che la somiglianza di taralli e capezzioli davvero sia vaga…a meno di malformazioni genetiche, “il morbo del tarallo” che ti auguro di non avere 😉 !
    Poi sul mio vocabolario napoletano-italiano c’è scrtto:
    Tarallo, Ciambella. – scherz. per il sedere, Le mele.
    (è proprio scritto così,non ho ancora capito cosa voglia significare !?)
    Visto come sei ridotta ti mando questo link di un intenditore :

    http://www.taralli.it/storia.htm

    Lino

  15. sorellecontro ha detto:

    lino sul tuo link ho potuto leggere le seguenti illuminate parole, che voglio regalare a tutti voi:

    “Oltre che nell’alimentazione, i taralli trovano spazio anche nel linguaggio. Inequivocabilmente napoletano è il modo di dire: “Se ti tirassen’ na sport’e taralle, nun ne cadesse uno ‘nterra”. Traduzione: se ti lanciassero una cesta di taralli, non ne cadrebbe alcuno al suolo. Perché?
    Pecchè tien’e ccorna! (Traduzione: Perché la tua consorte intrattiene una relazione con un altro uomo).
    E’ facile immaginare che il destinatario di questa frase non la prenderà bene. Ma niente paura: il tarallo “ciacca”, e il tarallo medica. Fa’ danni, ma poi li ripara: è sempre grazie a lui che si fa la pace, e tutto finisce
    “a tarallucci e vino”.

    ….

  16. utente anonimo ha detto:

    io ero nella sezione E, quindi chiappinelli lo conosco solo di fama, e mi sono diplomata nel….oddiononmiricordocazzo…nel 2004!
    nina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: