Archivio mensile:settembre 2008

Scambi alla pari

OGGI SONO TORNATA (A SORPRESA) [E PER SORPRESA INTENDO CHE IO STESSA NE SONO SORPRESA!] A NAPOLI…

e ,tornata in patria, il mio primo scambio con un mio concittadino (un vecchietto palesemente "intalliato" e lento che barcollava davanti agli zebedei impedendomi l’accesso alla scala mobile della metro) è stato il seguente:

"O Nò….LIEVT A NANT CA C’è CCIS A SALUT"

traducibile in

"hey senescente, scansati e fammi spazio perchè mi stai oltremodo annoiando"

ed il suddetto vecchino ,secco e senza colpo ferire, mi ha risposto

OH UAGLIò…Z’TTò SANC

che può essere letto come "Hey ragazza, che tu possa dissanguarti"

Adoro questo genere di scambi alla pari…ci si insulta amichevolmente e poi via, ognuno per la sua strada senza sensi di colpa nè recriminazioni…nessuno si offende e BONALE’!

Contrassegnato da tag

…oggi…

Oggi ero nel Bus per Modena…per incontrare la cara mari e fare un giro…nel suddetto bus che fa PAESEDIMERDAINCUISTO-MODENA c’è il controllore che ad un certo punto "sgama" una tizia straniera con una bambina piccola che sta marcando un biglietto di fascia chilometrica più bassa…giustamente direte voi, avrà invitato con fermezza la tizia a comprare il biglietto giusto ed a mettersi in regola…

NO, cari amici…lo stronzo ha iniziato ad alterarsi ed a gridare alla donna ed alla bambina che "QUI SI SEGUONO LE REGOLE, NON SI FA COME CAZZO PARE A VOI"…la donna risponde a sto tizio in un italiano stentato che non ha capito che problema ci sia con il biglietto e il già citato stronzo le grida di non prenderlo per il culo, che lo sa "come fate voi quando venite qui in Italia" e dopo 5 minuti di grida le dice prendere le sue cose, la bambina ed andarsene immediatamente e non far perdere tempo a noi che dobbiamo partire

Ovviamente nel bus tutti tacciono perchè la vigliaccheria è la più grossa virtù dell’italiano ma siccome a me sta rodendo abbastanza il culo inizio a lamentarmi…lo stronzo mi guarda e mi chiede quale sia il problema (il che mi sembrava abbastanza evidente) esordisco dicendo che capisco che la signora debba comprare un altro biglietto ma non è così che si parla ad una persona (con una bambina tralaltro) e che alla fine non c’è bisogno di umiliare così una donna…

Beh lo stronzo mi risponde "SIGNORINA…LEI SHHHH" facendo anche il gesto con il dito…

ecco il dialogo interiore che ho avuto:

CERVELLO: oh sere…guarda che mi pare che lo stronzo ti abbia detto di stare zitta

IO: ma no che cazzo dici cervello, avrai capito male

ORECCHIE: no UaglIò TI ha detto proprio di stare zitta!!!l’ho sentito io!!

IO : shhhh a me???? SHHHH A MEEEEEEEEE????

ed è stato allora che gli ho detto che lui a me shhh non lo dice,al massimo lo dice a qualche sua parente , che mi sarei lamentata con chi di dovere del chiaro abuso di potere di questo personaggio esaltato…ci sono state un pò di grida reciproche eD ho anche infilato nel discorso un "gente di merda"…

[ovviamente dopo mi sono messa a piangere ma in un cantuccio nascosto e quando lo stronzo era già sceso ]

ecco qui…questa è la piccola provincia italiana….fatta di controllori stronzi, fatta di gente che umilia gli altri per le stronzate ma poi va a messa la domenica e che caca il cazzo a te che a messa non ci vai ma che MAI ti sogneresti di trattare di merda un’altra persona…

questa è la provincia della spesa al sabato, della "balla del sabato" e del : "perchè non li levano di mezzo sti autovelox di merda"

la provincia della gente scortese che però poi si lamenta perchè si sente sola ,la provincia degli attacchi di panico , degli antidepressivi

la provincia della gente che non ci sta a farsi chiamare "provinciale" ma che poi ride di quelli del paese accanto perchè "sono così campagnoli"

la provincia dove gente con la quinta elementare chiama TERRONA me che sono laureata

la provincia di quelli che dicono "gli immigrati hanno imbastardito il nostro paese" ma poi nella "fabbrichetta" ci tengono gli immigrati perchè li possono pagare meno e che la cocaina la comprano dagli immigrati e che vanno a puttane con le immigrate perchè" le italiane costano troppo, ma chi si credono di essere".

Ma quando è successo all’Italia di passare dall’essere un paese di "Santi , poeti e navigatori" all’essere un paese di stronzi razzisti provinciali?

Contrassegnato da tag ,

riflessioni

ci ho pensato a lungo ,l’unico modo sano e maturo per sfuggire a quest’ansia ed alla gente idiota è……..FUGGIRE!

Sto già pianificando tutto…

devo mollare ora l’uni e mettere su un complessino Jazz…

io suonerei il contrabbasso…quindi sarei responsabile del POPOPOPOPOPOPO di fondo….quindi niente PIRIRIRPIPIPIIII (tromba) , nessun UEUEUEUENEUENUENU (sassofono) ma solo tanti rassicuranti e vibranti POPOPOPO.

un popopopopo che sale ed un popopopopo che scende…

un popopopopo che sale ed un popopopopo che scende…

un popopopopo che sale ed un popopopopo che scende…

ovviamente per la mia nuova vita da Jazzista mi servirà un cappellino…

da portare un pò obliquo sull’occhio…così mentre sarò impegnata con i miei POPOPOPOPO potrò sbirciare il pubblico da sotto il cappellino con aria truffaldina e scoprire "chi" beve "cosa" in quel buio e fumoso bar di New Orleans..

e quando ci prenderemo una pausa dal nostro strimpellare mi diranno

"hey tu col cappellino vieni qui, che ti offriamo da bere,

hey PIT uno scotch liscio

per la signorina guercia con il cappellino"

ed io con l’unico occhio libero (perchè l’altro è coperto dalla visiera del cappellino) ammiccherò (ma se ammicco con un occhio solo si capisce che ammicco ?o sembra solo che ho gli occhi chiusi?) e dirò

 "sarà per la prossima volta jack…stasera è tempo di riflettere in solitudine"

(e qui ci starebbe bene un "MUNNEZZ" con un pernacchio in risposta…ma non siamo a Napoli…siamo a New orleans e lì nessuno spernacchia chi dice frasi da film)

ed allora uscirò dal bar (che darà direttamente sul mississipi) e mi siederò sulle rive del grande fiume a fumare una sigaretta ( cioè scusate…ho lasciato l’uni, per vivere suono in un club puzzolente, permettete che almeno ho iniziato a fumare!!!!??e che cavolo la vita è già abbastanza difficile per me in Lousiana senza che vi ci mettiate anche voi ed il vostro salutismo!!!) e la luna (ovviamente piena) si rifletterà nell’acqua ed io verserò una lacrima (una sola…dall’occhio buono) pensando ai luoghi lontani della mia gioventù…la lacrima cadrà lenta nelle acque del mississipi mentre in sottofondo un sassofono (dalla provenienza incerta) suonerà una malinconica melodia.

è deciso…devo:

1) comprare un cappellino,

2)accecarmi ad un occhio e

3)imparare a suonare il contrabbasso.

Contrassegnato da tag

ci sono periodi in cui basta poco per essere felici

È praticamente l’alba…ma scrivo qui per dire che:

sono stata prima nella lista per il ricevimento dell’ufficio tirocini a Padovaaaaa!!

Lo so che a molti di voi tutto ciò non dirà nulla…ma chi studia a Padova sa quanto è snervante quell’ufficio…solitamente arrivando e iscrivendomi in lista alle 9  finivo intorno all’ottantesima posizione (nella più rosea delle previsioni)..ma sono stata anche 140esima…ed una volta persino 200equalcosesima…

Stamattina sono arrivata qui praticamente all’alba..ma già c’era una certa folla fuori l’uni ancora chiusa…c’erano i consueti gatti padovani che (secondo me) aspettavano pazienti di divorare i corpi di coloro che periranno nella lotta.

Mi guardo intorno per vedere la concorrenza…le solite ragazze in maglioncino di filo e coda di cavallo con i loro tacchetti “PUAH!” penso “QUESTE ME LE FUMO IN 2 MINUTI”..poi vedo lei giacchetta di velluto marrone, maglia con scritta in greco…è come guardarsi in uno specchio che restituisce tutta la mia secchionaggine…io e la mia sosia ci guardiamo e capiamo che sarà una dura lotta…ma una di noi ne uscirà sconfitta….(LEI!)

Poi si sono aperti i cancelli…ed è scattata la violenza…una scena del genere l’avevo vista solo nel RE LEONE quando quella carica di buoi uccide Mufasa

Devo dire che la mia non è stata una vittoria pulita…Ho buttato anche per aria una tizia che non so bene cosa volesse chiedermi…ma non importa perché la sprovveduta è stata scagliata lontano ad una velocità folle quindi l’informazione non le servirà più…in questi casi non bisogna farsi prendere da sentimentalismi e gentilezze, bisogna essere crudeli, proiettarsi sulla meta ed agire.visto che le cose da fare sono tante ( stanotte ero in emilia romagna, ora sono a Padova, devo andare all’ufficio tirocini, poi dalla prof ed in tarda mattinata dovrò essere in un luogo ancora non ben definito di Venezia.)

Comunque corro e nella prima chicane faccio mangiare la polvere a 2 ragazzette smorfiose…sulle scale mi smarco un giovane che prima dell’apertura ho visto fumare “AHAHAH FUMA TU…COGLIONE!!!”

Poi arrivo su e siamo io , la mia sosia, una tizia anonima ed un ragazzo…è il momento di segnarci in lista ma..ma…IO HO Già LA PENNA IN MANO!!! Perché l’avevo presa prima che aprissero i cancelli,(in previsione di un corpo a corpo violento con qualcuno) mentre i miei sprovveduti avversari sono lì che la cercano….AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

E quindi mi sono collocata lì in prima posizione e non perderò l’intera mattinata ad aspettare il mio turno!!!!

 

CEMPIONZZZZZ DUDUDUDUDUDUUUUUUUU

 

… Cmq ho fatto anche la foto della lista che pubblicherò a breve…

CIà

 

 

***EDIT SERALE!***

cempionz

Contrassegnato da tag

la gestione dell'aggressività

scene realmente accadute ieri…

1) Mentre faccio la fila per il ricevimento della prof di tesi (quindi ero lì con la futura crema del movimento psicoanalitico italiano…almeno questo è quello che sembrano pensare loro ed i loro "IO ipertrofici" )  mi imbatto in persone terrorizzate perchè hanno paura di non riuscire a farsi convalidare gli esami in tempo per la laurea dalla segreteria…io dico che già me li sono fatti segnare in segreteria mesi fa e ricevo come risposta : "BEH IMMAGINO…AVRAI COME MINIMO TERRORIZZATO LA TIZIA IN SEGRETERIA (risata generale come alla fine di un episodio della signora in giallo)"

2) sempre nella suddetta fila, ci segniamo tutti sul foglietto per rispettare l’ordine d’entrata. Io sono quarta su dodici…fattostà che arriva una tizia e si segna al numero ZERO cioè all’inizio della lista…

nessuno fiata….io inizio ad avvertire i tipici sintomi dell’infarto…unite ad un tremore delle mani ed offuscamento della vista… ed inizio ad infierire contro la numero Zero con frasi tipo "SI MA SCUSA…CIOè STICAZZI…NON PENSO CHE ARRIVI E TI METTI AL NUMERO ZERO…CHE SIGNIFICA NUMERO ZERO????…QUALCUNO SA COSA SIGNIFICA????"  ma vengo lasciata sola a prendermela con i mulini a vento mentre la "futura crema del movimento  psicoanalitico italiano" si guarda i pollici mormorando frasi come "non è giusto però" con la loro vocina da zecchino d’oro….

Sarete anche la crema, ma quando c’è da prendere a calci un culetto furbo non sapete nemmeno dove iniziare perdincibacco!!! 

(e, per la cronaca, la ZERO è entrata per prima e quando è entrata tutti hanno parlato male di lei)

3) vado dalla prof di tesi che mi dice

"LA TESI VA MOLTO BENE…ANCHE SE TI HO SEGNATO I PUNTI DA MODIFICARE… SERENA NON PRENDERTELA, MA FAI AFFERMAZIONI TROPPO AGGRESSIVE…SE SI DICONO LE COSE IN MODO AGGRESSIVO NON SI VIENE MAI ASCOLTATI"

apro la tesi, corretta non vi dico con cosa (dico solo che NON e’ una penna), e trovo una sequela di frasi sottolineate con scritto a margine AGGR

4) Vado a fare un colloquio di lavoro per una grossa catena di fast food e c’è mancato poco che io ed il tizio esaminatore non finissimo alle mani…Visto che io mi sposo alle provocazioni come la birra con la pizza…o come un buon rosso con la fiorentina. 

inizio a pensare che ci sia un problema di fondo…

inizio a pensare che il mondo abbia seri problemi a gestire la mia aggressività (se poi di aggressività si può parlare…io la chiamerei "motilità spontanea" come diceva Winnicott)

penso che il mondo debba darsi una bella regolata!!!

Contrassegnato da tag ,

Nel turbine dell'ottimismo

Cari…

oggi mentre parlavo a tel con Kamia (oh mi ha fatto molto piacere sentirti…chiama pure quando vuoi brutta t-rex pinguino che non sei altro) e mentre osservavo il cuci che si spalmava marmellata di fichi su fette di pecorino (per una merenda leggera ahahah) ho iniziato a riflettere sul dopo laurea…ed ovviamente successivamente ho iniziato a mandare, così, giusto per non sentirmi inutile (o meglio..per non sentirmi eccessivamente inutile) il mio curriculum di brillante studentessa in giro…e vi dico solo che una delle mete per il mio curriculum è stato il MC DONALD… tutta la mia libido nella carne bovina.

piuttosto ho iniziato a pensare alle sfaccettate ma vaste possibilità che la laurea in psicologia mi offre ed ecco qui , tirando le somme, alcune ipotesi possibili:

2521409679_d35e579a09

addetta al rinfresco ed alla ristorazione da spiaggia…

potrei sfruttare le mie "importanti" conoscenze sui meccanismi psicologici umani per piazzare "felle di cocco" a destra ed a manca

nino d

comparsa in pessimi film di serie Z

sostituendo , per esempio, l’indimenticabile Bombolo nei film di Nino D’Angelo..

ma comunque sono disponibile anche per i video dei neomelodici, comunioni , cresime e battesimi..per contatti chiamare il 3********

       

volpe

volpe nella caccia alla volpe

visto che in inghilterra tutti sono giustamente indignati per la triste morte a cui vanno incontro le volpi per il sollazzo di pochi lord, si è pensato di sostituire la volpe con uno psicologo quinquennalista.

La proposta ha riscosso parecchi consensi , ed ora è al vaglio anche quella di sostituire la pelle d’orso con cui si fabbricavano i famosi copricapi della guardia reale con vera pelle di laureati in lettere classiche ; tuttavia i laureati in scienze della formazione sono insorti affermando con veemenza: "hey ci siamo prima noi!"

Scherzi a parte, approfitto del Blog per dare un consiglio alle matricole speranzose ed emozionate:

NON-LAUREATEVI-MAI-IN-PSICOLOGIA

o almeno non fatelo in Italia, o almeno non fatelo in questa vita.

 

Contrassegnato da tag , , ,

CIAO CARI…

Sono di nuovo qui…anche se per un pò vi ho illuso…ci speravate eh? uhuhuh

piuttosto diciamo che avevo chiuso il blog perchè (come avevo detto precedentemente) è un periodo un pò così e perchè , proprio il giorno della chiusura avevo ricevuto una notiziaccia che mi aveva gettato nello sconforto.

Ovviamente lo sconforto permane ma almeno ho pensato di annoiare un pò il web con le mie lagnanze ahahahah!

Ho superato la fase del "mi-chiudo-in-casa-con-i-miei-fazzolettini-strausati" grazie anche ad una 3 giorni padovana insieme alla cara marina, che è stata testimone di tutti i piccoli contrattempi che mi capitano!

ma andiamo con ordine:

Mercoledì:

mattina

vado dalla prof. che ovviamente ha RIRIRIperso la mia tesi. devo ristamparle l’intera copia…siccome questo scherzetto mi costa 10 euro ogni volta in copisteria (ed è la quarta volta che succede) decido di stamparla in aule web…inizio a stampare si inceppa la stampante…desisto e torno dalla prof che mi dice "VA BENA STAMPAMELA DOMANI E PORTAMELA A CASA….PROBABILMENTE NON CI SARò QUINDI TU LANCIAMELA SUL BALCONE" e così è stato…giovedì mi sono esercitata nel lacio della tesi sui balconi altrui.. e credo anche di averle rotto un vaso nel lancio (almeno il rumore è stato quello)…poi io e la cara Mari subiamo una serie di piccoli ma seccanti contrattempi: aspettiamo un autobus che passa e non si ferma lasciandoci come 2 cazzone alla fermata e tante cose di questo tipo

sera

decidiamo di uscire a festeggiare (non mi è ancora chiaro cosa)…ovviamente tutti ci appendono per motivi vari…spinotto FINGE palesemente una cacarella improvvisa…quindi restiamo sole ma decidiamo di uscire lo stesso perchè Padova  è piccina e sicuramente troveremo in giro gente conosciuta…si ride e si scherza in giro per Pd ed alla mezzanotte io e mary brindiamo ingenue e gioiose alla fine di una giornata abbastanza smerdeggiante …decidiamo di tornare a casa ma a Prato della Valle ha luogo l’impensabile! Cado dalla bici!!!!

ma non una caduta normale…è stata un impatto violento e rovinoso con l’asfalto!!l’impatto è tremendo, marina per un attimo teme il peggio ma poi mi alzo ancora viva nonostante i dolori lancinanti al ginocchio ed al piede.

prato

Giovedì

io e mari torniamo all’università. Stavolta l’autobus si ferma, ci fa salire e noi sorridiamo pensando al giorno prima…mentre sorridiamo sentiamo uno schianto…l’autobus si è scontrato con una macchina (una lexus nera apparentemente appena uscita dal concessionario che ora ha una bella strisciata color autobus sulla fiancata) la cosa potrebbe finire lì, ma no!, perchè nonostante abbia palesemente torto, l’uomo della lexus attacca a litigare con l’autista con argomentazioni validissime come "LEI LO HA FATTO APPOSTA!!!" avviene il consueto scambio di targhe e di assicurazioni poi il bus riparte

Dopo aver fatto un pò di servizi in vari uffici andiamo in mensa…ma mentre faccio la mia bella fila con il vassoio mi sento male…devo vomitare!!!

quindi abbandono il vassoio ed il "salmone in bella vista" percorro correndo tutta la mensa tra gli sguardi attoniti dei presenti e mi fiondo in bagno dove svomiteggio sapientemente..nonostante stia abbastanza male , dopo arriviamo a casa della prof dove io scaglio la mia tesi verso l’infinito ed oltre.

il risultato è che credo di aver preso un virus o qualcosa del genere! mi fa anche male la gola 😦

tornata a casa poi mi arriva uno sms di marina che mi avvisa che anche lei sta male ed ha la febbre…quindi ci siamo palleggiate il virus…

se credessi a queste cose penserei che in giro qualcuno mi sta secciando a più non posso…

Contrassegnato da tag , ,

film luce

Figlioli…

che dire se non "MA VAFFANC" visto che , a quanto pare, sono in un periodo di "SFIGA NERA!" (si con il punto esclamativo)…e dico "SFIGA" non per una questione di lessico settentrionale ma perchè "SFORTUNA" va usata per cose ben più importanti…quello che intendo io con "sfiga" sono tutta quella serie di piccoli e noiosi contrattempi che fanno in modo che tu stia a casa a roderti il c..uore, a mangiare muffin ed a smoccolare in un fazzolettino ormai semidecomposto e salato a causa delle lacrime (certo che se dico così sembra che l’ho assaggiato..ahahaha)

Quindi, siccome tutto va come NON dovrebbe andare, oggi per tirarmi un pò su ho iniziato a fantasticare su un’eventuale seduta di laurea…ed ho iniziato ovviamente a proiettarmi uno dei consueti film luce sull’evento…

Siamo nell’aula….la commissione chiama il mio nome…nessuno risponde..il presidente si spazientisce "MA INSOMMA…DOV’è LA SIGNORINA"….le luci si spengono…solo un riflettore punta in un angolo…

parte in sottofondo la languida musica di LA VIE EN ROSE… sulla scalinata (comparsa non si sa dove) si intravede un’angelica figura che ondeggia (che ora non per vantarmi ma sarei io..) vestita di un morbido e lungo vestito rosa e di un boa di piume rosa "soffice e avvolgente"… 

scendo le scale seminando brillantini e profumo nell’aria mentre comincio a cantare

Des yeux qui font baisser les miens
Un rire qui se perd sur sa bouche
Voilà le portrait sans retouche
De l’homme auquel j’appartiens  

ondeggio e passeggio…passeggio ed ondeggio…

ma non punto alla commissione, NO…decido di salutare prima i bambini nelle prime file…tiro la guancetta ad uno, accarezzo la testa ad un altro (ovviamente sempre cantando) …un bambino mi tira il boa e la mamma fa il gesto di trascinarlo via perchè effettivamente quelle manine fetide da bimbo dovrebbe tenerle in tasca, non è che adesso stiamo qui a farci mettere le manine addosso da tutti i bambini del mondo, eh insomma!…

ma io sono troppo in pace con il mondo e le sussurro "MA NO SIGNORA…SI FIGURI, SONO BAMBINI, LASCIATE PURE CHE VENGANO A ME"… intanto stringo mani e regalo sorrisi…

Quand il me prend dans ses bras,
Il me parle tout bas
Je vois la vie en rose,
Il me dit des mots d’amour
Des mots de tous les jours,
Et ça m’fait quelque chose
Il est entré dans mon cœur,

poi punto alla commissione…nel momento della musichetta (non so se avete presente la canzone..sennò sentitela eh..non posso mica fare tutto io) poso il microfono e prendo il professor Petter (una delle vecchie glorie padovane…..che ora come ora sarà sull’ottantina) e lo trascino nel ballo facendolo volteggiare in una serie di piroette che lasciano tutto il pubblico stupito ed emozionato… qualcuno piange, qualcuno si stringe le mani al petto, cercando di contenere la strabordante emozione..

eh si…siamo proprio i mattatori della pista… Ginger e Fred ci fanno una pippa a noi!

iniziano a piovere rose ed applausi scroscianti quando , lasciato il prof, corro al centro della pista mentre la mia relatrice mi lancia il microfono (che ovviamente prendo al volo come il pollo arrosto nella pubblicità della pellicola per alimenti cooky ) e vado con il gran finale…

Des nuits d’amour à plus finir
Un grand bonheur qui prend sa place
Des ennuis, des chagrins s’effacent
Heureux, heureux à en mourir

e l’aula va in delirio…applausi su applausi…mi spertico in inchini vari, incito il pubblico ad applaudire non solo me , ma anche il prof con cui ho ballato…grido "IL VERO SPETTACOLO SIETE VOI!!!"

parte la standingo ovation….c’è molta commozione nell’aula ed io , mentre lascio la sala, mi lascio scappare anche una lacrimuccia che nascondo nel dorso della mano…

CHE DIRE ? considerando che quando mi preparavo per la triennale, il "film" riguardava me che cantavo alla commissione una tamarrissima canzone di Rod Stewart, possiamo dire che Edith Piaf rappresenta già un notevole salto di qualità.

Piuttosto , cara mari, invece la mia visione sulla tua seduta di laurea è ispirata al film di Mario Merola O ZAPPATOR…vedo te che discuti finchè tuo padre non entra ed attacca con la solfa del "FELICISSIMA SERA….I P V CRESCER AGG ZAPPAT E ZAPP ANCOR NOTT E JUORN…ADDENOCCHIAT E VASAM STI MMAN"

mentre per il caro Spinotto non ho ancora in mente una location…ma sarai il primo ad essere avvertito appena me ne verrà in mente una..

Contrassegnato da tag , ,

Giorni come rasoi, notti piene di ratti

Sii gentile

ci viene sempre chiesto
di comprendere l’altrui
punto di vista
non importa quanto sia
antiquato
stupido o
disgustoso.

uno dovrebbe
guardare
agli errori degli altri
e alle loro vite sprecate
con
gentilezza,
specialmente se si tratta di
anziani.

ma l’età è la somma
delle nostre azioni.
sono invecchiati
malamente
perché hanno
vissuto
senza mettere mai a fuoco,
hanno rifiutato di
vedere.

non è colpa loro?

di chi è la colpa?
mia?

a me si chiede di mascherare
il mio punto di vista
agli altri
per paura della loro
paura.

l’età non è un crimine

ma l’infamia
di un’esistenza
deliberatamente
sprecata

in mezzo a tante
esistenze
deliberatamente
sprecate

lo è.

Charles Bukowski

Contrassegnato da tag

un post abbastanza privo di senso dettato dalla maniacalità.

Cari…

la laurea si avvicina…

ed ora, non per dire, ma inizia a farsi sentire un certo nervosismo…per quanto io lo riesca a gestire perfettamente andando in giro a "incoraggiare" gli altri laureandi con frasi come "VI VOGLIO CARICHI", "SU SU CARICHI E MOTIVATI"…insomma le tipiche frasi da cazzona-che-fa-la-sciolta ma è nervosa e vagamente schizzata..ahahahahhaha

se dovessi iniziare a fare discorsi tipo "TU SEI UN VINCENTE PERCHè COMBATTI", "TU SEI NATO VINCENTE PERCHè SU TANTI SPERMATOZOI IL TUO è L’UNICO ARRIVATO ALLA META" siete autorizzati a farmi fare violentemente testa e finestrino.

(che poi queste frasi mi furono REALMENTE DETTE da un personaggione di cui non faccio il nome , per consolarmi perchè mi ero quasi rotta le costole in una rovinosa ed orrenda caduta e piangevo come una mentecatta ahahahhahah)

ma non divaghiamo…

inoltre continuano gli accordi per il tirocinio post laurea…

oggi ho rivisto il DOTT. TESTA PICCOLA*  che giustamente mi ha chiesto come mai non ho ancora chiamato la Dottoressa del C.S.M. che ha dato la sua disponibilità a farmi da Tutor…ovviamente ho accampato le stesse patetiche scuse che uso per autoconvincermi e procrastinare:

"MAGARI è ANCORA IN FERIE", (dopotutto è solo quasi natale)

"FORSE E’ IMPEGNATA CON LE VISITE PER LA FINE DELL’ESTATE" (Eh le tipiche "visite da fine estate"..certo che quando mi impegno ne dico di cacate ahahah)

ma la verità è che dopo aver incontrato L’ALTRA DOTTORESSA quella cattivissima che mi "sloggiò" dandomi velatamente della "terrona" (beh non c’era nulla di velato nel dire tra le altre cose "guarda rivolgiti a quest’altro dottore,è come te e tra meridionali vi capite") adesso ho un pò di timore…vabbè magari voi direte "ma che te ne fotte, non dispiacerti per queste stronzate"…eh lo so…in realtà mi erano già capitate cose di questo tipo…ma sempre da miei coetanei (tipo una odiosissima tizia a cui tirai anche una "portata" sul grugno ahahah….c’è poco da ridere lo so… terrona ed anche violenta) ma sentirlo dire da una "professionista affermata" che , in teoria, dovrebbe essere culturalmente superiore…vabbè mi scoccio di continuare a spiegare questo concetto e spero abbiate capito… 

quindi vorrei chiamare ma penso "e se anche questa dovesse trattarmi male??" normalmente me ne strafotterei ma in realtà a poco dalla laurea essere "cacciata" una seconda volta sarebbe un duro colpo per la mia autostima…perchè finchè ti "umiliano" per qualcosa che fai puoi sempre trovare un modo per "mediare"…ma se ti umiliano per qualcosa che sei non puoi farci proprio niente (penso di essermi spiegata abbastanza male ahahahahah…che rido????!!)

vabbè cmq devo dare una svolta a questa situazione! insomma ,ora non per dire, ma ho una buona media, un curriculum che (per essere di una laureanda) è di tutto rispetto, sul "lavoro" sono zelante fino alla pedanteria quindi, cazzarola, che problema dovrebbe mai esserci????!! basta ora la chiamo!! e poi mica sono tutti come quella stronza..prendi il DOTTOR TESTA PICCOLA*, lui è gentilissimo….

BASTA ORA CHIAMO!!!

*ovviamente Dottor Testa piccola è un soprannome…

**ma ha una testa davvero piccola!!! oggi mentre mi parlava lo fissavo e non potevo fare a meno di pensare "OH MIO DIO…che microtesta"…non è possibile che un uomo possa avere una testa così piccola e riuscire a svolgere le funzioni vitali per la sopravvivenza…

mi veniva da canticchiare "oooh oooh piccola testa" sulle note della canzone dei POOH….ad un certo punto ho anche pensato che potesse fare la fine dei dobermann…con quella scatola cranica così piccola potrebbe impazzire da un momento all’altro…quindi devo far presto a chiamare!!

prima che sia troppo tardi…

 

 fuego

 

foto presa dal blog di Fabio G. (che a mio parere è un ottimo fotografo)

 

 

 

 

 

 

Contrassegnato da tag , , ,