Archivio mensile:luglio 2009

fermo non so stare in nessun posto…ho il ballo di san vito e non mi passaaaaaa

Ho traslocato.

ebbene si figliuoli.

ho lasciato l’osceno paesino in cui ho vissuto per i 2 anni più orrendi mai visti.

il posto meno accogliente al mondo…con gente talmente viscida che in confronto Giuda è il compagno ideale per un pic nic nei getsemani.

a lungo mi sono lamentata di questo posto ed adesso che è il momento di andare non trovo le parole giuste per poter dare un degno commiato a questo covo di vipere…lo farò enunciandovi le ultime perle di saggezza che la popolazione ha espresso:

CARTELLO APPESO NEL BAR DELL’AUTOSTAZIONE:

"NON CHIEDETE BICCHIERI D’ACQUA…QUESTA NON è LA CARITAS..SE AVETE SETE COMPRATE UNA BOTTIGLIA D’ACQUA"

ALTRO CARTELLO APPESO NEL SUDDETTO BAR:

"QUESTO NON è L’UFFICIO INFORMAZIONI…QUI SI COMPRANO SOLO I BIGLIETTI PER LE CORRIERE MA NON CHIEDETE INFORMAZIONI SUGLI ORARI"

(che poi sticazzi…se mi vendi il biglietto io ti chiedo tutte le informazioni che mi pare,..ti chiedo anche che tempo farà domani e tu mi rispondi gentilmente sennò te ne vai a fanculo tu e questa bettola che chiami bar)

ALTRO CARTELLO APPESO SEMPRE NEL MEDESIMO BAR, SULLE MACCHINETTE DEL VIDEOPOKER:

"PRIMA DI USARE LE MACCHINETTE SIETE PREGATI DI CONSUMARE…QUESTO NON è UN CASINò"

ma lasciamo l’accogliente bar…giorni fa ho sentito pronunciare queste parole da una dottoressa (medico..quindi l-a-ur-e-a-t-a) che parlava di una tizia che aveva adottato un bambino che poi da grande si è rivelato gay (ed un bel chissene dove lo mettiamo..cioè perchè dovrei trovare interessante questa storia?)

"CIOè PENSA….SI è RITROVATA CON UN FIGLIO NEGRO (nota mia: notate l’uso del termine lievemente razzista) E GAY…POVERINA…LA SORTE SI ACCANISCE A VOLTE"

ma si accanisce cosa??…..da quando l’essere gay e l’essere di colore è una malattia o una sfortuna?mah.

e mi fermo qui…perchè bisogna guardare avanti e lasciarsi alle spalle questo piccolo atomo opaco del male sperando che la popolazione che lo abita non sia rappresentativa dell’umanità tutta…

e quindi ora si va via…..

ed è proprio ora che ho le mie valige pronte e mi guardo indietro e vedo che il sole risplende sulla piazza del paese, dove gli anziani chiacchierano ed i bambini giocano, e l’atmosfera risuona delle loro gioiose risate.

Vedo che le rondini volano in alto compiendo magnifiche acrobazie e mille voli imprevedibili, vedo le donne che ridacchiano fuori i bar e parlano concitate confidandosi chissà quali segreti, vedo le famiglie in bicicletta che costeggiano il canale dove gli anatroccoli non perdono di vista mamma anatra e la seguono con devozione e fiducia…ed è proprio ora,nell’ora del saluto, che mi guardo dentro,scruto nella mia anima e penso:

"SE AVESSI AVUTO UN EURO PER OGNI VOLTA CHE HO PENSATO A QUANTO VI DISPREZZO ADESSO NON PRENDEREI IN AFFITTO UN APPARTAMENTO IN PERIFERIA MA COMPREREI UN SUPERATTICO IN PIENO CENTRO DI BOLOGNA…

MALEDETTI…NEVICHERà ALL’INFERNO PRIMA CHE IO RIMETTA PIEDE IN QUESTA LURIDA FOGNA."

saluti e baci

Serena!

 

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

"io non sono l'altro di nessuno…io sono io"

Heilà….

ho cambiato template…perchè ho visto il film "Coraline e la porta magica" e mi è piaciuto tantissimo quindi (siccome a me non piace mai nulla) ho pensato di rinnovare il blog nella sua forma…ma non nel suo contenuto! che rimarrà cagoso come sempre..eheh

veniamo a noi…

credevo di avere toccato il fondo della mia vita professionale quando ho dovuto portare a "cavalluccio" la bimba per tutta la casa (e lei vive in una villa a 2 piani eh…) , ma mi sono dovuta ricredere questo weekend….

questo fine settimana mi ha vista impegnata a promuovere (si scrive promuovere ma si legge "cercare di smerciare a dei gonzi") barrette antialitosi per cani…

"le barrette per un cane da baciare".

ovviamente dovevo fermare la gente che se ne stava per i suoi beneamati cazzi e domandare "scusi lei ha un cane?" e, qualora la risposta fosse stata affermativa, dovevo iniziare con scabrose domande sull’igiene orale del cucciolo e sulla presenza o meno di eventuale "fiatella".

poi dovevo stare lì come un avvoltoio ed, appena vedevo qualcuno mettere nel carrello le barrette della concorrenza, dovevo piombargli alle spalle silenziosa come la morte e proporgli di cambiare prodotto illustrando i mille vantaggi delle barrette che pubblicizzavo io….

ovviamente la gente non ha mancato di mostrare tutta la sua cazzonaggine con domande stupide ed affermazioni inutili di cui riporto qualche esempio:

ESEMPIO 1 :

SIGNORA: "si ma scusi queste barrette che sapore hanno?"

IO : "signora non le ho ancora assaggiate, ma se mi da un attimo le faccio sapere"

ESEMPIO 2:

SIGNORA: "ma se al mio cane non dovessero piacere?"

IO: "beh ce ne faremo una ragione"

ESEMPIO 3:

IO :"salve…lei ha un cane?"

SIGNORE LOGORROICO: " (sospiro) lo avevo….poi è morto….era un bel pastore tedesco, aveva un bellissimo pelo folto ed era molto giocherellone,lo portavo sempre al fiume  blablabla poi blablablablabla ed ancora blablabla"

e così via in un non richiesto momento di forte condivisione emotiva unilaterale.

comunque questa storia della promozione dei prodotti mi convince poco…insomma mi pare poco etico creare un bisogno laddove non esiste, esclusivamente per una questione di mercato….(non credo che il ciato dei cani sia un’emergenza nazionale) ma chi può dirlo?

ma la cosa più inquietante è stata la telefonata dell’agenzia di promoter per cui lavoro:

"Ciao, mi raccomando durante l’educational day devi illustrare la brand philosophy, consegnare il gift ed orientare le scelte del costumer mostrando la convenienza della promotion e minimizzando l’acquisto dei prodotti competitore mi raccomando segna tutto sul report!!!!!"

eh??

Contrassegnato da tag , , , ,