Archivio mensile:dicembre 2009

all talk of circadian rhythm

….questo blog non trova pace…
è anche vero che,riprendendo la citazione "nuova di zecca" di cui sopra : "
Sono nervoso, sono stato e sono molto, molto, terribilmente nervoso", il che rende abbastanza comprensibili la lungaaaaaa assenza e il cambio compulsivo di template.
Ma, dando per scontato che la cosa non interessi a nessuno (tantomeno a me)…

                                                         …possiamo andare avanti.

veniamo a noi…il 2009 volge al termine e siamo sopravvissuti all’agonia del Natale..il che può essere inserito alla voce : "risultati raggiunti nel 2009" nonchè "propositi per il 2010".

che poi non è tanto il natale in se….ma (almeno per me) è la questione dell’appartenere al "genere umano" che proprio non mi va giù…
insomma che vuoi che sia la festa in se…il problema è che in questi momenti ti ricordi di appartenere al genere umano…ed allora pensi agli orsi che affogano per colpa tua che stai sciogliendo le calotte polari, pensi ai barboni che muoiono di freddo,pensi che tu sei a mangiare al caldo mentre i bimbi in carcere sono senza termosifoni…
pensi, pensi, pensi (perchè poi sei anche in ferie quindi hai anche tempo libero per riflettere)…ed improvvisamente ti senti il diretto colpevole nonchè il principale responsabile di ogni singola bruttura del pianeta…dai bambini che muoiono di fame, al disboscamento delle foreste, passando per i cani che tremano fuori i negozi mentre i proprietari sono dentro a fare i loro (pessimi) acquisti. 
ed allora pensi che è vero che a natale l’umanità diventa una vera grande famiglia…ma una gran bella famiglia di stronzi con cui, sinceramente, eviterei di andare a fare un pic nic,un giro in villa comunale,all’edenlandia o tutte quelle attività familiari che si fanno di solito…

…e va così per un bel pò di anni…

ma poi ti ricordi improvvisamente che proprio poche settimane fa ti sei abilitata…ora sei una psicologa pronta per l’albo e dall’alto della tua nuova ed improvvisa saggezza (e dei circa 500 euro di tasse versate) puoi dare un nome a tutto questo:
non è la realtà ad essere pessima…sei tu che la guardi applicando "schemi disfunzionali"….sei tu che "probabilmente proietti sul mondo esterno quello che blablablabla" e che compi "un errore sistematico di attribuzione"

e capisci che (e qui viene la parte migliore) non è nemmeno colpa tua, ma semplicemente è venuta a crearsi "una iperattività dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene" e ,se questo non dovesse bastare, puoi sempre dirti che in fin dei conti "non ti hanno permesso di vivere la fase depressiva dello sviluppo nel mondo corretto" o che "hai avuto una fissazione ad una particolare fase dello sviluppo" o, se vogliamo buttarci proprio sul trash da talk show televisivo "forse non sei stato allattato abbastanza"

quindi, tanti cari cazzi, avrai anche 500 euro in meno…ma adesso hai un bagaglio quasi infinito e particolarmente convincente di scuse e di boiate da raccontarti per autoconvincerti che "i depressi hanno torto"…

..e vi dirò…
…inzio già a vedere il bicchiere mezzo pieno…

 

Annunci

Ma alla fine Scrooge aveva ragione.

Figlioli…

come ho già accennato, ho iniziato ( 2 mesi fa) il servizio civile in Carcere….

e dopo 2 ricchi mesi di fatiche, di bambini che piangono, di varia umanità, di umorismo da galeotti e di altre amenità è giunto per me il momento di "abbuscare i soldi"….

si, lo so, dovrei dire che i soldi non contano, che il piacere di aiutare gli altri è il miglior pagamento ma…sticazzi….

il sorriso di un bambino è una cosa bellissima…ma non ci fai la spesa direi.

e soprattutto, devo ammettere, che dopo 2 mesi di lavoro gratis (visto che il primo mese te lo pagano dopo un anno…non so bene perchè) nel portafogli avevo 2 bottoni ed un centesimo norvegese.

quindi, devo ammettere che il 30 mi sono alzata con un sorrisone a 50 denti…mi sono lavata saltellando, credo di aver persino intonato un motivetto sotto la doccia….sono andata a piedi in posta pregustando gli acquisti che avrei fatto nel pomeriggio….favoleggiavo di stivali nuovi, di farine particolari con cui fare dei biscotti, di regali di Natale e di sciarpe….

arrivo fuori la posta ed il sorriso mi si gela sulle labbra:

"SI AVVISA LA CLIENTELA CHE IL 30 NOVEMBRE LA POSTA RESTERà CHIUSA PER LA FESTA DEL SANTO PATRONO".

credo che il mio "NOOOOOOOOOOOOOOOOO" sia stato udito persino dal suddetto patrono e dai suoi colleghi in tutti i 9 cieli del paradiso dantesco.

 

STAMATTINA CI RIPROVO:

mi sveglio presto e decido di andare in posta prima di andare in carcere.(sempre considerando il fatto che ho 2 Bottoni ed un centesimo norvegese)….arrivo in posta nonostante il vento gelido che soffia….arrivo lì e scopro che è aperta "grande!"penso"ora mi metto in fila ed è fatta!"

dopo 10 minuti di fila tra i vecchietti , il tizio dello sportello si affaccia e grida:

 "I SOLDI SONO FINITI…DOBBIAMO ASPETTARE I RIFORNIMENTI…FINCHè NON ARRIVANO NON SI PUò PRELEVARE"…

ma non finisce qui!

Indecisa se ridere o piangere, prendo il mio cellulare e mando un messaggio ad una mia amica per raccontarle la piega surreale della mia giornata, quando mi si avvicina una vecchietta e mi chiede:

" signorina mi fa fare una telefonata, che io non ho il telefonino?"

…..

ovviamente le ho fatto fare la sua telefonata (questi sono i danni che fa un’educazione improntata sul rispetto della regola aurea),non ho voluto i soldi da lei (che voleva darmi un euro come rimborso)  e me ne sono andata a lavorare….portando con me i miei 2 bottoni ed il centesimo norvegese.

 

ps: alla fine però ci sono riuscita….la terza volta è stata quella buona!

Contrassegnato da tag