Archivio mensile:febbraio 2010

i dettami del marketing

Precisazione non richiesta ma utile (soprattutto per la cara bionda ossigenata e la rossa che leggono il blog):

cioè…io capisco che questo blog possa avere un certo fascino in quanto, diciamocelo chiaramente,rappresenta un concentrato di cattivi sentimenti e fastidiose lamentele (ora che ci penso faccio fatica a comprendere perché possa piacere) però non è che quello che c’è scritto rappresenta quello che sono nella vita…insomma è una specie di valvola di sfogo…nella vita non sono così lamentosa…anzi a dirla tutta mi lamento poco (e con un ristretto numero di “fortunati”) e non sono nemmeno così negativa…certo ho un po’ di problemi a rilassarmi…il più delle volte mi fisso su questioni ininfluenti e futili (come le ciambelline al miele o il fatto che windows mi rinfacci che sul mio desktop ci sono delle icone inutilizzate…insomma…fatti  i cazzi tuoi io voglio le mie icone!) però tutto sommato sono anche un tipo gioviale, il più delle volte mi faccio gran ghignate (soprattutto da un paio di mesi a questa parte) quando sono di buon umore sono anche di compagnia e sono abbastanza soddisfatta della piega che prende la mia vita…quindi non prendete tanto sul serio quello che scrivo qui…o almeno non fatene un motivo di preoccupazione. J

Fine precisazione.

Veniamo a noi…ho iniziato a lavorare nuovamente nel meraviglioso mondo della grande distribuzione (al supermercato) e per ricchi 50 eurozzi giornalieri devo indossare una orribile divisa e stare 6 ore in piedi (e l’anno scorso erano 8…quindi siamo andati a migliorare) ….tempo fa credevo che laurearsi brillantemente nella migliore univ. Pubblica d’italia  desse diritto , non dico tanto, ma ad avere una sediolina …almeno ad uno gabellino…una cascetta di frutta….ed invece no!secondo “i dettami del marketing” devi stare in piedi, perché un dipendente seduto non “carica” la clientela e non la spinge all’acquisto portando inevitabilmente un netto calo nelle entrate….beh io direi che i clienti possono anche andarsene a quel paese per quanto mi riguarda e con loro tutta la catena di supermercati e la loro direzione di mangiarane e spalmafegato d’oca.

Quindi ho trascorso il mio weekend  con un gradevole grembiule nero lungo fino ai piedi sforzandomi di essere cortese con l’ennesimo vecchietto che mi chiede se può portarmi a casa come omaggio (ahahah anche se i vecchietti arzilli sono i miei preferiti) e  l’ennesima tizia che mi manda a quel paese….

Ma la vera tragedia si è consumata ieri….

Nel bel mezzo del mio turno il palco montato vicino al mio “presidio” (perché non è un banchetto eh….secondo i dettami del marketing si parla di presidio) inizia ad animarsi….sta per iniziare una sorta di x factor di noi comuni pezzenti ed una voce impostata ci avvisa che tra 10 minuti i partecipanti alla gara canora di radiononsocosa inizieranno ad esibirsi…..

QUI! A due passi dal mio orecchio?????

Ebbene si…quindi dalle 17:30 alle 20:00 mi sono dovuta godere 29 adolescenti stonati che provavano a coltivare il loro triste sogno di gloria.

Sui primi 10 ho retto…ma poi quando è arrivata una 15enne con toppino leopardato e stivale con il tacco 12 che ha cantato una canzone di lady gaga ho iniziato a pensare che il mondo è veramente un postaccio…

ma il tracollo c’è stato con il duetto dei 24 che hanno cantato “VIVO PER LEI” (che è una canzone che odio e che mi provoca attacchi di panico solo a sentirne le prime note)…è bastato sentire iniziare la strofa “vivo per lei anche io lo saaaai” per essere assalita da un moto odio  verso gli esseri umani.

 Tuttavia, sono riuscita ad addormentarmi anche lì, nel bel mezzo del banchetto,in piedi, con la guancia appoggiata sulla mano…infatti un cliente mi è venuto opportunamente a “tuzzuliare” per chiedermi se,per favore, poteva prendere un tagli andino con lo sconto (che era sotto il mio gomito)….

chissà se nei“dettami del marketing” è contemplata una situazione del genere…

Il fatto che continuino ad assumermi è un chiaro segno che la psicologia del lavoro non è una scienza esatta.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

lettera al piccolo mario…(perchè sta storia delle ciambelline l'ho presa male)

Caro…
Mi sembra di vederti,con le tue ciambelline con meno zucchero e più fibre….
Io non ce l’ho con te…o meglio…non ce l’ho solo con te che alla fine, diciamocela tutta, non hai nessuna colpa tranne quella di palesare la tua inutile presenza a questo mondo, ma non possiamo prendercela con te per questo…al massimo possiamo prendercela con i tuoi genitori (e con i nostri) che si ostinano con questa assurda pretesa di salvare la nostra specie da una placida e ben più dignitosa estinzione.
Che cosa posso dirti? Lo so che tutti ti continuano a riempire la testa con lunghi discorsi su quanto tu sia speciale, importante, unico ed insostituibile…beh, caro piccolo mario, ti dirò una cosa importante, che forse non ti piacerà ma che ti aiuterà notevolmente negli anni a venire ,più di qualsiasi altra sviolinata umanistica:
ascolta “zia sere”….tu non sei speciale.
Non lo sei affatto…nemmeno un pò…un pochino pochino?no.
ma sei in buona compagnia eh…non lo è nessuno.
Magari ti diranno che vai bene così come sei e che piaci proprio per questo…
Beh sono balle.
Non conta quanto tu ti sforzerai di essere speciale ed insostituibile per qualcuno … passeranno 2 mesi,1 anno, 9,10,15 anni … beh prima o poi arriverà qualcuno più speciale di te, un po’ più “insostituibile” e zac! dovrai fare i conti con il fatto che, in fin dei conti, si va avanti anche senza di te … e si va avanti alla grande,se proprio vogliamo dirla tutta.
Forse ti diranno che se ti impegni riuscirai in qualsiasi cosa tu voglia.
Beh cazzate.
Non conta quanto tu sia brillante, preparato o studioso, ci sarà sempre qualcuno più brillante,più preparato e più studioso di te per cui non cullarti in emozionanti sogni di gloria e non perdere tempo a sognare ad occhi aperti … entra subito nell’ordine di idee che non conti proprio niente per nessuno,che la tua presenza su questo mondo è assolutamente opinabile e che non apporta alcun miglioramento al sistema…insomma, se non ci fossi tu ce ne sarebbe un altro, ugualmente cazzone ed ugualmente inutile … non sei che l’ennesima inutile ed anonima macchiolina in un mondo di stupide macchioline impazzite.
Che poi,tecnicamente, non è nemmeno del tutto vero che la tua presenza è inutile … considerando i rifiuti che produci, i gas serra emessi a tuo nome, l’acqua che sprechi,gli acquisti che fai ed i soldi che fai arrivare alle multinazionali produttrici di armi,finanziatrici di guerre ecc ecc … beh non solo sei inutile … ma sei anche dannoso.
Renditi conto che senza di te il mondo sarebbe un posto migliore.
Ma , ripeto, sei in buona compagnia eh … probabilmente se non esistesse nessuno di noi,il mondo sarebbe un gran bel posto. ..se non altro,più silenzioso e pulito.
Oh mi sembra di vederti, con il musino triste che affondi il cucchiaio nelle tue ciambelline ipocaloriche ….ma io lo dico per te, affinchè tu non perda tempo a cullarti in placide speranze, a prepararti tisane al finocchio, a correre al parco,a vivere in modo sano cercando di strappare qualche anno in più di questa misera esistenza, a riflettere su chi votare,a lavorare “nel sociale”,a scrivere lettere d’amore ed a telefonare agli amici pensando di contare qualcosa per qualcuno,a laurearti ed a dare esami,a farti passare i momenti di insoddisfazione, a cucinare 3 pasti al giorno,ad insegnare cose ai bimbi,ad andare in erboristeria, a mangiare roba biologica, a mentire a te stesso ed agli altri,a lasciare bigliettini sullo specchio,a fare biscotti, a pensare che sarà per sempre,ad andare in piscina, ad immaginare ipotetici figli perfetti,a piangere ed a ridere, a cantare sotto la doccia, a cercare di dormire 8 ore a notte, a sorridere alla gente,a comprare regali e ad aprire regali altrui, ad andare alle grigliate, a mandare sms ed a riceverne,a fare auguri, a cercare case in cui non abiterai e mobili che non saranno tuoi, a sognare viaggi che non farai e vite che non vivrai.
 Ascolta la cara zia sere e ti risparmierai un bel po’ di grane … o cmq non dire che non ti avevo avvertito.
 
Contrassegnato da tag

il piccolo mario.

oggi dovevo prendere il treno per napoli.
mi sono alzata alle 5.00 nella mia nuova casa ed ho iniziato a fare colazione.
ho riscaldato il latte ed ho aperto una scatola di cereali : le ciambelline al miele

ciambelline al M-I-E-L-E.

ne afferro una manciata e le metto nel latte…pregustando la loro mielosità invadente che avrebbe corrotto il latte rendendolo dolcissimo e avrebbe dato un nuovo senso ad un’altra giornata in questo scialbo ed inutile mondo.
li assaggio e subito capisco che c’è qualcosa che non va.

CHE FINE HA FATTO IL MIELE??????

sono salate!!!!
niente miele, niente di niente!
subito faccio le varie ipotesi: "forse ho una malattia che non mi fa più sentire i sapori"….afferro la scatola e leggo: "NUOVA RICETTA: MENO ZUCCHERO, PIù FIBRE"

PERCHèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè???

io voglio il miele! mi spetta!
se avessi voluto delle fibre avrei comprato,chessò, dei biscotti ALLE FIBRE….anzi, che si fottano le fibre….io volevo lo zucchero!
che è sta mania di togliere lo zucchero da tutto?!!!e con che diritto poi?
perchè altrimenti la gente si ingozza? perchè sennò i bambini diventano obesi? perchè il piccolo MARIO (nome appena inventato) per sopperire alle chiare carenze affettive dei genitori passerebbe il giorno ingozzandosi di ciambelline al miele diventando poi obeso ed ad alto rischio infarto pesando così sulla spesa della sanità pubblica?
beh chissenefrega!
non capisco perchè debba pagare io scotto dell’anaffettività dei genitori di Mario e dell’ ingordigia di quella piccola palla di lardo….
certo il piccolo Mario troverà altri mille modi per uccidersi lentamente ( e me ne vengono in mente un bel pò ben pubblicizzati) , le associazioni dei genitori applaudiranno la coraggiosa scelta della catena di supermercati riducizuccheri ma intanto io non posso mangiare le mie ciambelline al miele con il marchio del mio supermercato.

non mi pare equo.

insomma già si sono appropriati dell’eternità decidendo che gran parte di noi la passeranno patendo sofferenze eterne ed altre amenità, si sono appropriati della morte, sentenziando che nessuno di noi ha il diritto di scegliere se, quando e come morire ed adesso ci stanno togliendo anche i piccoli piaceri quotidiani, come le ciambelline al miele, perchè "dobbiamo mangiare meno zuccheri senza smettere però di comprare prodotti".

e che palle.

inanimate-objects-with-googly-eyes-25162-1232728354-15

Contrassegnato da tag , ,

realtà parallele

è vero che il mio senso della realtà è sempre stato abbastanza precario…

è anche vero che, spesso, mi "prendo un pò di pause"

ma stavolta devo essermi persa qualcosa di grosso….

silvio_0

NOI????

da quando IO amo Silvio???

ma non finisce qui….

ritaglio

da quando IO sostengo Israele???!!!

io sostengo tante cose…ed israele non è tra queste.

insomma…uno non può distogliere l’attenzione un secondo dal mondo esterno che ti ritrovi innamorata di silvio, sostenitore/amico di israele, orgoglioso delle radici cristiano giudaiche dell’europa (???)

a sto punto meglio tenere gli occhi aperti…di questo passo, come niente ti ritrovi amico di qualche dittatore assassino…..

cosa? Gheddafi e Putin???

noooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!

Contrassegnato da tag