la lombardia produce il 20% del pil italiano…ed i milanesi amano ricordartelo

ultimamente mi capita spesso di andare a Milano…

abbastanza spesso da iniziare a disprezzare con una certa partecipazione emotiva il grigiume,la pioggerellina continua e la scortesia congenita dei suoi abitanti…si potrebbero fare una serie di studi sociologici su quanto ci si possa sentire fuori posto a Milano se non si è di Milano: basta arrivare alla metropolitana per sentirsi immediatamente come la bambina di schinderl’s list…ovvero un’inspiegabile macchia rossa in un film in bianco e nero.

comunque ieri sera il mio weekend è stato vivacizzato da un frizzante aperitivo meneghino nella zona dei navigli…compagni di aperitivo erano i miei 2 amici ed i compagni di corso di quello che studia a Milano (precisamente alla Iulm…brrrrrr.)

subito noto che il prezzo fisso dell’aperitvo è 9 eurozzi, quindi decido di lanciarmi sul superalcolico perchè,sticazzi, ancora deve aprire il bar che mi fa pagare 9 euro per una birra o un bicchiere di vino!!!! 

ovviamente gli allegri studenti della Iulm si rivelano immediatamente (il che era abbastanza prevedibile) dei ferventi berlusconiani…(brrrrrr2)….nonchè filoleghisti (brrrrr3) nonchè,alcuni di loro, ciellini (ahhhhhhhhhhhhh)…praticamente dopo le prime 2 sorsate di mojito (ma quanto sono giovane???) mi rendo conto di essere in un bar dalla improbabile atmosfera caraibica (brrrr più infinito) seduta accanto agli individui più inquietanti di questo paese…

e con orrore mi accorgo anche di essere in netta minoranza…

ovviamente il target medio è ballerina,bauletto vuitton,capello piastrato e giacchino di pelle (vera)…io ovviamente ho la borsa feltrinelli (quanto sono un clichè?) ed uno spolverino nero (siccome ormai è primavera ho smesso per principio di mettere il giubbino, con il risultato di vivere perennemente con i decimi di febbre) che tralaltro è macchiato di tempera perchè la bimba in carcere sta sperimentando la pittura in stile Pollock ed io ovviamente assecondo con gioia ogni suo moto creativo (creativo ed indelebile).

ovviamente si decide (con un tacito accordo) di eliminare tra gli argomenti di discussione:

-la politica

– la religione e dio (o la sua assenza)

-le politiche sociali (o la loro assenza)

-l’immagine dell’Italia nel mondo

-le droghe leggere

-qualunque cosa riguardi le rispettive weltanschauung

quindi si finisce allegramente a parlare di "cosa faremo se dovesse andarci male"…che, in effetti è un argomento abbastanza neutro e può essere un valido anello di congiunzione tra "caste" diverse…

almeno così credevo prima di scoprire che la mia idea di "cosa farò se dovesse andarmi male" comprende sempre me che faccio la fila con il vassoio alla mensa dei poveri e dormo sotto un ponte…mentre la loro è riassumibile nella frase: "se mi va male mi apro un’attività a borabora/in polinesia/alle maldive/in un paradiso tropicale a scelta"

ma (a parte le differenti visioni del "modo in cui le cose possano andare male") quello che mi ha colpito di più è stata la seguente conversazione tra 1 tizio ed 1 tizia:

TIZIO: se mi va male mi apro un ristorante in Giappone…

TIZIA: bleah..Odio i giapponesi…gli darei fuoco…perchè non bombardiamo il Giappone??

a parte che,proprio per impostazione, ho sempre un pò di difficoltà ad apprezzare i roghi di esseri umani…certo ci sono nazioni che apprezzo meno di altre ma al massimo non ci andrei come turista,eviterei di comprarne i prodotti…ma da qui a bombardarli/dare fuoco agli abitanti ce ne passa…

ma la cosa che non capisco è un’altra….

che hanno fatto i giapponesi???

insomma,posso capire (ovviamente non condivido) che una filoleghista possa avere dei problemi con qualunque forma di vita respiri da Roma in giù…posso capire (ma non condividere) che una filofascista possa avere problemi chessò con Cuba,con la Cina di Mao o chi per loro…ma proprio non capisco la logica che c’è dietro questo odio per i giapponesi!!!

insomma mi sto scervellando da ore…questo è proprio uno di quei particolari insignificanti su cui finisco per riflettere ore ed ore….

COSA HANNO FATTO I GIAPPONESI A QUELLA GIOVANE STUDENTESSA DI BELLE SPERANZE???

sono persino andata a riguardare un pò a grandi linee la storia del giappone ma niente…non riesco a trovare la colpa atavica dei giapponesi…

forse si è offesa per l’attacco a Pearl Harbor…

dopotutto sono passati solo 70 anni ed un paio di bombe atomiche……

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: