where are you from?

stamane era praticamente l'alba e sono entrata in un bar per prendere un caffè.

saluto il barista dalla pancia prominente,ordino un caffè amaro ed una brioches integrale al miele.

quindi ho delle interazioni significative con il barista.

interazioni fatte di parole,scandite bene dalla fonte e comprese bene dal ricevente.

anyway,

mentre bevevo il mio caffettino,il barista mi fa (scandendo bene le parole):

"QUALE….. è il TUO………PAESE?"

mi guardo intorno…si,sta parlando proprio con me.

sulle prime penso l'abbia detto per scherzo,notando il "cinere muto" del mio accento napoletano che si sta lentamente disperdendo..ma in realtà sta facendo sul serio,perchè mi guarda tutto incuriosito.

io: "Q-Q-Q-QUEESTO?"

E lui:

" SI….ORA (ed indica a terra con entrambe le mani) E' QUESTO…MA DA DOOOOOVE (e traccia dei piccoli cerchi in aria con entrambe le mani) VIENI?"

Io: " MA,IO VENGO DA QUI…"

Lui (deluso): "AH SEI ITALIANA?NON L'AVREI MAI DETTO!"

Potevo spacciarmi,chessò, per la nipote di Mubarak che di sti tempi tira più una finta nipote di Mubarak che un carro di buoi.

Annunci

4 thoughts on “where are you from?

  1. elipiccottero ha detto:

    Per mia fortuna il problema linguistico mi si presenta solo a Bolzano. Dove rimangono delusi scoprendo che non tutte le bionde con gli occhi azzurri parlano tedesco.

  2. Ebisu ha detto:

    Anche a me è successa una cosa simile qualche anno fa! Ero sulla scala mobile della metro e un tizio si gira e attacca a parlarmi velocemente in inglese. Io, che con l'inglese ho una costante battaglia corpo a corpo persa ripetutamente fin da giovane, palesemente non ho capito una mazza e sono riuscita a dire solo "eh?" oltre a mostrare la mia faccia allucinata. Questo tipo allora se ne esce con un "ah, ma sei italiana! Credevo fossi americana…" A quanto pare ero vestita in maniera troppo strana per far parte del belpaese: non me l'ha detto proprio così ma il concetto era quello, e dopo avermi fatti i complimenti per il modo in cui mi addobbo è sparito inghiottito dalle strade milanesi. Un meraviglioso aneddoto pregno di significato.

    Complimenti per il tuo blog, ho leggiucchiato qua e là e adoro il tuo modo di raccontore ironico, naif e profondo quando serve. E' un vero piacere leggerti! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: