Archivio mensile:luglio 2011

il caro Giuseppe.

sono andata a ballare.

il che è abbastanza surreale,perchè odio ballare,la gente sudata mi inquieta,odio tutte quelle strane mossette che fanno le persone quando ballano (tipo il "collo a piccione" o quando fanno "No" con le dita…scusa,no cosa?potresti essere più preciso?),odio quella musica ma,ancora di più,odio l'ondata di entusiasmo che si scatena negli astanti quando parte il "pezzaccio del momento".

ma tutto questo complesso di idiosincrasie è crollato di fronte alla noia estiva ed alla gratuità del tutto.

ovviamente ho individuato un comodo divanetto dove ho poggiato le mie terga ma siccome la discoteca "non è un paese per gente seduta" mi sono ben presto trovata,tra gli amici,nell'allegro e frizzante cerchio del ballo.

credevo di aver toccato proprio il punto minimo della mia giornata (massì diciamolo pure "del mese") ma non avevo ancora conosciuto Giuseppe.

il caro piccolo Giuseppe si avvicina e mi informa che si chiama,per l'appunto,Giuseppe.

una volta recepito questo dato fondamentale,cerco di andare via ma Giuseppe mi informa che studia.

UAU-penso-GIUSEPPE,ORA SI CHE SONO PRESA…ma questo non è ancora nulla perchè subito dopo viene fuori che io e Giuseppe abbiamo la stessa età.

oh gaudioso giorno,oh coincidenze fortuite.

ri-cerco di andare via (forse stordita dall'ondata di interesse per i particolari della vita di GIUSEPPE) ma NO!perchè Giuseppe compie un raccapricciante gesto che lo colloca automaticamente nella mia lista nera degli esseri umani detestabili: MI PRENDE PER MANO dicendo "vieni andiamo a ballare di là".

io detesto essere presa per mano.

se questo fosse un video-blog ora scorrerebbero immagini-flashback del mio controverso rapporto con l'essere presa per mano…

sulle note di una qualsiasi canzone a scelta de "le luci della centrale elettrica" partirebbero,in dissolvenza e con l'effetto "foro stenopeico",le immagini di me bambina che lascio rabbiosamente la mano di mia mamma sulle strisce pedonali, di me irrigidita come un baccalà congelato e rossa come un peperone che cammino mano nella mano con un ragazzo,di me al mercato che mantengo la figlia della mia amica per il codino per non darle la mano e così via… 

ma purtroppo questo non è un video blog,quindi magari mettete la canzone su you-tube chiudete gli occhi ed immaginatevi la scena (possibilmente con jean moreau nella parte di me adulta,una deliziosa sophie marceau in quelli di me adolescente e la bimba di "cattivissimo me" nei panni di me bambina).

Quindi clamoroso erroraccio per il caro Giuseppe,vittima della sua arroganza (o della sua incapacità di selezionare donne sane di mente) che è stato brutalizzato senza alcun tatto nè pietà.

insomma,Giuseppe,probabilmente avresti avuto più possibilità se ti fossi presentato nudo ed avessi tentato di impressionarci con il dondolio ritmico dei tuoi testicoli.

Contrassegnato da tag , ,

autismi personali.

Non sono un'amante dello shopping.

l'idea di massacrare altri esseri umani per accaparrarmi l'ultima magliettina a strisce di H&M mi mette addosso un'angoscia indicibile…l'ambiente dei negozi è troppo competitivo,brutale,popolato da gente malvagia ed egoista.

tuttavia ci sono degli acquisti imprescindibili a cui mi dedico da anni con passione e dedizione maniacale.

uno su tutti è l'acquisto del bagnoschiuma.

Io compro solo un bagnoschiuma.

il nivea oil.

gli altri semplicemente non esistono,il mio occhio li rimuove e non li seleziona.

esiste una sola industria produttrice (LA NIVEA) che distribuisce un unico prodotto (IL NIVEA OIL)

ho anche provato a cambiare eh…ero nel sempiterno "acqua e sapone" ed ho infilato nel carrello un bagnoschiuma al Monoi…ma poi,mentre avanzavo verso la cassa,ho fatto una rapida inversione ad U con il mio carrello,ho gettato il (più economico) Monoi e sono corsa dal mio fedelissimo…scusandomi per questo tradimento.

Tuttavia,proprio ultimamente,stavo per afferrare il mio flaconcino bisettimanale quando ho notato un bollino mai visto sul tappo…ho strabuzzato gli occhi ed ho letto l'illeggibile:

"NUOVO PROFUMO"   

hikarumanga

PERCHèèèèè????!!!

a me piaceva il "vecchio profumo"…cosa aveva di male?cos'è quest'ossessione continua per "Il nuovo"???

Io voglio il vecchio profumo…era il mio profumo! faceva parte della mia identità!!!io ero "la ragazza che profumava di nivea oil"…ogni tanto mi annusavo da sola,sentivo l'aroma caldo di nivea oil e capivo di essere ancora al mondo.

il "vecchio profumo" sapeva di tranquillità,di calore,di biscotti appena sfornati,di infanzie felici,di bambini che giocano e di chiacchiere in una calda cucina,di viaggi e di ritorni.

il "nuovo profumo" puzza di ignoto e di tradimento.

adesso sto cercando di accaparrarmi tutte le rimanenze di magazzino ma cosa succederà quando saranno finite?

…nubi minacciose si addensano sul nostro futuro…

Contrassegnato da tag