la vocazione splatter dei miei parenti ed il suo inspiegabile collegamento con Italia-Germania.

Proprio qualche giorno fa sono andata,mio malgrado,a guardare la partita Italia-Germania in piazza.
con la “grandissima vittoria” di questa Italia “fantasiosa” e “capace di concretizzare” (cito le parole del cronista…o del mio amico,ora non ricordo bene) in strada è calato il delirio…clacson,trombette,petardi.

beh ora provate a visualizzare la scena,come in un film…
io (beh se volete potete immaginarmi anche con le fattezze di Marion Cotillard) che corro su un’affollatissima strada maggiore…mi guardo intorno spaesata,guardo la mia amica che fotografa i tifosi con la reflex (e già su questo ci sarebbe da chiedersi “perché?”),sento i clacson,guardo i tizi seminudi che corrono,tutto diventa ovattato,va via il sonoro finchè non sento il rumore di un petardo…

Parte il flashback.

io e mia nonna (che potete immaginare nelle fattezze di Bilbo Baggins perché,VI GIURO ERA IDENTICA!!!!) passeggiamo per il cimitero per andare sulla tomba di mio nonno…il ramo familiare di mia nonna paterna (il lato  “Nonnerno”?) aveva il grosso dono di essere terribilmente crudo e cruento per quanto riguarda le questioni inerenti alla morte.
beh,posso dirlo senza alcuna remora (che poi,in realtà le remore sono pesci…potete trovare maggiori dettagli qui),loro (i miei parenti dal lato paterno…non i pesci)sono responsabili di gran parte dei miei incubi e dei miei terrori ingiustificati.

Mentre ci recavamo sull’allegro sepolcro del nonno incontrammo la sorella mezza matta di mia nonna (ovviamente viva eh) che dopo i complimenti di rito “oooh ma tua nipote ma comm sè fatta ross,ma che bella uaglion” ci regalò questa perla di saggezza:

“ma andate a trovare il nonno?

[mannò eravamo qui in giro perchè ci piace l’aroma di putredine]

ma che lo andate a trovare a fare?è morto…morto morto.ormai è un verme…un verme mangiato dagli altri vermi,nella terra nuda che lo avvolge”

la cara “zia peppina”ci ha regalato una lunga serie di notti insonni.

dopo questo soave incontro continuammo,con l’animo gonfio di immagini terrificanti,a passeggiare per tombe,quando mia nonna(stranamente silenziosa) mi indicò una tomba con la foto di una graziosa ragazza e mi disse:

vedi questa ragazza?era capodanno,stava sul suo balcone a tirare dentro le piante e un petardo l’ha uccisa!Serena,la morte è ovunque e arriva quando meno te lo aspetti….quando meno te lo aspetti”.

Ora ogni capodanno o in ogni occasione “petardosa” io penso alla ragazza delle piante e mi intristisco.

No ma grazie,nonna.

Niente ti aiuta a crescere sereno quanto l’immagine della morte perennemente dietro l’angolo.

dieeeetro l’angooooolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: