la teoria del caos.

temo il caos.

se non riesco a trovare un senso alle cose vado in panico,se mai qualcuno di voi volesse uccidermi non si sprechi a pugnalarmi o volgarità del genere…basta che mi facciate qualcosa a cui io non so dare un senso e vedrete la mia voglia di vivere spegnersi come una candela sotto una campana di vetro.

ovviamente vengo dalla città più surreale d’Italia…l’unica città in cui accadono tutta una serie di piccole cose a cui la mente umana non riesce a dare un senso.

qualche giorno fa eravamo in tangenziale e,subito dopo una curva,c’era una macchina parcheggiata. in tangenziale. senza il triangolo,senza traccia di umanità nei paraggi. oggi siamo ripassati e la macchina era ancora lì. ho guardato mia sorella che,per nulla allarmata,mi fa : “beh avranno dovuto fermarsi all’improvviso”…come se il fatto che qualcuno decida di “parcheggiare” in tangenziale e volatilizzarsi per due giorni fosse la cosa più normale del mondo.

sempre in auto,ieri notte,abbiamo trovato un televisore. poggiato al centro della strada,così,tranquillo e beato sulla linea della carreggiata. e stavolta il commento del guidatore è stato “uh guarda,un televisore”. come se fossimo ad un safari e avesse visto,chessò,un uccello particolarmente bello che popola le zone…nessuna domanda su come c’è finito un televisore lì e soprattutto…perchè???

questa è la città in cui parcheggi la macchina e ti trovi vecchietti appollaiati sul tetto che dormono,la città in cui puoi essere coinvolto in risse,festeggiamenti o dolori altrui senza poterlo prevedere in nessun modo,la città in cui ancora quando qualcuno muore,ti mandano a comprare lo zucchero per i familiari,dove la gente è chiassosa,furiosa,felice e disperata senza logica alcuna.dove nulla può essere controllato perchè nulla ha senso.

però,se posso dire la verità,dopo un primo momento di cieco panico poi ci sto maledettamente bene (in vacanza..breve vacanza…molto breve e molto vacanza) a Napoli.

Pigeons of Persia.


amo il mio balcone.

L’abbiamo sistemato con  una comoda poltrona di vimini e dei cuscini affinchè ci si possa accomodare,farsi investire  dalla luce e dall’aria frizzante proveniente da San Luca (il colle) e,devo ammetterlo,nel mio cuore ha sostituito il divano che mi è stato “rubato” tempo fa.

ieri,mi sono piazzata sul mio terrazzino,a riflettere sulla vita (a fissare il vuoto,in realtà).

era tutto perfetto,ero serena,in armonia con il mondo…quando,guardando i palazzi intorno,ho messo a fuoco una finestra e ho visto questo:

allora.

a nessuno piacciono i piccioni,questo è vero.

io con un piccione non uscirei di certo a cena…e nemmeno per “un caffettino pomeridiano in centro senza impegno”.

ma insomma,quale mente crudele può aver partorito quella trappola mortale?

bisogna essere proprio delle menti perverse.

amico dirimpettaio,

anche io odio gli orrendi pennuti,mi fanno schifo e penso siano bestie immonde portatrici di epidemie…

però tra “odiarli semplicemente” e “odiarli fino a creare uno scenario terrificante di spuntoni assassini stile “prince of persia“”,beh,ce ne passa.

io preferisco sapere che quei polli purulenti possano pascolare sul mio balcone,piuttosto che rischiare di aprire la finestra una mattina in cui sono stranamente felice e trovarne uno stecchito e infilzato come uno spiedino!

questa scena non mi predisporrebbe affatto ad avere una giornata serena.

insomma,

qual’è il tuo problema???perchè tutto questo livore?ti da fastidio che ti caghino sul balcone? beh anche tu caghi,amico dirimpettaio…e i tuoi prodotti vengono riversati in mare,ma non mi pare di aver visto banchi di pesci inferociti strisciare fino a venirti a prendere per infilzarti con dei grossi spadini.

la tua reazione non è proporzionata all’offesa.

è così difficile chiedere un minimo di equità?un briciolo di empatia???chiedere di non vivere in un mondo di luridi giustizieri ammazzapiccioni???

amico dirimpettaio….

tu hai urtato la mia sensibilità.

tu sei un uomo molto malvagio.

…sotto i rami del castagno.

ognuno ha diritto ad un difensore…

lo dice anche il diritto processuale penale (ai sensi dell’art. 97 c.p.p.)

perchè tutti dobbiamo essere tutelati,accuditi e protetti.

Beh il mio difensore è la mia tiroide stacanovista.

La mia tiroide lavora per me e prende talmente sul serio il compito che fa gran straordinari.

è abbastanza traumatico scoprire che tutte quelle parti di te che consideravi le basi della tua identità non sono altro che squilibri ormonali.

insomma, gli accesi scatti di odio verso chiunque respiri (o abbia respirato mai in vita sua,perchè essere morti non esime dal mio odio insensato) il torpiloquio facile,creativo e gratuito,l’angoscia annichilente,la capacità di polemizzare per ore su particolari inutili ed ininfluenti (come il non allineamento al muro del comodino delle mia compagna di stanza)i momenti di avviluppante scoramento ingiustificato, le gloriose uscite cortesi che mi caratterizzano (ultima su tutte “signora ma allora è ritardata o cosa?o forse è sorda?”) le sedie scagliate durante le liti,i calci in culo…

tutte queste meraviglie non sono altro che il prodotto di uno squilibrio fisico.

e tolto questo,cosa mi resterà?

insomma io la mia tiroide siamo soci…

siamo come Bud Spencer (LEI) e Terence Hill (IO), lei è max pezzali ed io sono il tizio inutile che saltellava sul palco, lei è Tyler Durden ed io sono l’altro, lei è il bullo del quartiere ed io sono il ragazzino sfigato con gli occhiali che diventa il suo protetto dopo essere stato “smutandato” e “capacessato” a morte per mesi.

potevo affrontare con orgoglio questo mondo crudele brandendo la tiroide come spadino,lei mi garantiva la magrezza che in questa società è sinonimo di bellezza,era lei a svegliarmi nel cuore della notte quando dormivo con il sociopatico di turno e mi suggeriva di raccattare tutte le mie cose  e tornarmene a casa mia di corsa,mi rendeva rissosa,bizzosa ed insofferente,lei mi accudiva,mi garantiva la giusta dose di rabbia schiumosa funzionale al progresso mondiale e personale,mi proteggeva e dava il giusto pepe alla mia giornata.

ed ora?

il futuro appare incerto e pieno di insidie.

idiosincrasie artistiche.

A Bologna tutti sono artisti.

il che,dopo un pò,diventa snervante.

insomma io non sono un’esperta d’arte a livello tecnico ma,essendo una persona scandalosamente emotiva,posseggo una notevole predisposizione alla fruizione dell’arte.

Quindi,appena arrivata a Bologna,ero elettrizzata al pensiero di poter assistere continuamente al miracolo della creazione artistica,qui era tutto un fiorire di aspiranti fotografi,scrittori,musicisti.

e poi c’ero io,con i miei occhioni sognanti spalancati e pronti a non perdersi nulla ed il cuore in perenne attesa di chissà quale tsunami emotivo.

a 2 anni di distanza lo tsunami non è arrivato.

e vi dirò di più…se vedo un’altra foto pseudo-artistica del fondo di un bicchiere,di una sedia vuota o del classico gatto pensoso potrei seriamente raggiungere picchi inusitati di lirismo bestemmiatorio.

il problema non è tanto il “sentirsi artisti”…

insomma,siamo tutti artisti nel caldo cantuccio del nostro lettino,ma è questa disperata ricerca di riconoscimento comune,questo continua “evangelizzazione” di se stessi che mi inquieta e ciò che mi inquieta ancora di più è la terrificante necessità di vendita,la fama come meta,la puttanaggine dello pseudo-artista.

ultimamente mi sono trovata tra le mani il libro (autopubblicato) di una conoscente.

mi ha chiesto un parere e l’unica parola che mi è venuta in mente era: “raccapricciante”,ma la mia intelligenza emotiva (maledetta) mi ha suggerito di evitare.

insomma non voglio ergermi a critica letteraria di stocazzo,non voglio fare discorsi sullo stile,ma se vuoi scrivere,per lo meno devi conoscere i congiuntivi!!!non basta buttare lì due o tre frasi contorte per apparire profonda,sparare due “parolone difficili” e sentirti per questo candidata al nobel…insomma,a casa abbiamo tutti il devoto-oli (vabbè forse questa è un’uscita snob) e le cosiddette “parole difficili” le conosciamo,però cazzo,vogliamo di più,vogliamo di meglio,vogliamo concetto ed emozione,vogliamo restare a bocca aperta,vogliamo lo tsunami!

ma puntualmente l’affetto (e l’intelligenza emotiva) ci impediscono di dire la verità e continuiamo ad alimentare le speranze di pseudo-artisti cani che si avviano sulla dolorosa via della delusione…

proprio per evitare ciò sarebbe utile promuovere la seguente campagna sociale (finanziata al comune di Bologna) :

IL CORAGGIO DELLA VERITà

SCORAGGIA UN ARTISTA CANE.

IMPEDISCI AD UN TUO AMICO DI FARSI MALE DA SOLO E RISPARMIA AL MONDO L’ENNESIMO OBBROBRIO (fotografico,letterario e musicale)

UN GIORNO TI RINGRAZIERà.

se avessimo aderito a questa campagna probabilmente ci saremmo risparmiati individui inspiegabili come FABIO VOLO,PUPO,MOCCIA,NEK,COELHO,BAMBAREN,tutte le edizioni di amici/xfactor/cazzivari, il secondo HIRST e,so che molti di voi si metteranno le mani nei capelli ma devo dirlo,beh ci saremmo risparmiati anche….EL GRECO!!!!!(ecco l’ho detto).

…non sempre rispondo…dipende dai giorni.

sono un tipo assente.

cioè,è proprio una tendenza che ho,quella di assentarmi momentaneamente dalla realtà esterna.

ultimamente poi,la faccenda è peggiorata perchè a volte mi rendo proprio conto che la gente mi parla ed io penso ad altre millemila cose,magari canticchio in mente questa canzone:

penso a come potrei tagliarmi i capelli,rifletto sulla mia weltanschauung,penso a come sarei se avessi le zampe da rana,faccio un breve dibattito con me stessa sul libro che sto leggendo,mi chiedo se Barney alla fine sposerà Nora o Robin,decido rapidamente quale film guardare in streaming.

insomma magari vi sembra facile,ma quando uno si perde nei suoi pensieri poi diventa difficile tornare a pensare a cose volgari come la realtà e le sue mille necessità.

Ieri,in un lampo di praticità,ho guardato nel frigo ed ho scoperto che non avevo nulla da mangiare ed ho quindi deciso di andare a fare la spesa…

siccome ho versato (vedi post precedente) 50 ricche carte al comune di Bologna,ho ben pensato di andare all'ipercoop perchè lì "ci sono le offerte"….peccato che per arrivarci devi circumnavigare l'Africa e scoprire,visto che ti trovi,mondi nuovi e sconosciuti.

Ho deciso di essere pratica e scegliere la mia spesa in base a criteri di "praticità e risparmio".

ho preso il mio carrellino e sono corsa nel reparto frutta e verdura e lì ho visto una mia vecchia conoscenza…L'Offerta autunnale coop sulle mele.

6 KG DI MELE A 3 EURO.

per soli 3 euro potevo portarmi a casa un'intera cascetta di mele Golden.

allora ho ragionato

bene bene bene…

6 kg di mele risolverebbero il problema frutta,il problema snack per momenti morti ed il problema roba spezzafame da portare a lavoro per quando non riesci a scroccare le merende dei bimbi.

e poi fanno bene.

mi sembra un ottimo affare.credo proprio che le prenderò

mele3ed ho caricato gli allegri sei chili nel mio altrettanto allegro carrello,felicissima del mio affarone.

dopodichè mi sono spostata (con non poche difficoltà,visto il peso del carrello) nel reparto pane…ma prima di arrivarci sono passata attraverso il reparto integratori.

ed ho visto il Magnesio.

tempo fa lessi che l'uggia perenne può essere causata anche da una carenza di questo minerale.

proprio allora mi sono autodiagnosticata una carenza di magnesio e da allora spesso lo compro.

allora ho pensato

bene bene bene….

ultimamente sono parecchio uggiosa…sicuramente dipenderà da una carenza di magnesio…adesso lo prendo così risolverò magicamente la questione e sarò radiosa come una giornata di giugno (inizio giugno…sai quando non fa proprio caldo…quelle giornate soleggiate però con un pò di brezza…quelle giornate che ti fanno amare la vita senza però renderti fiacco ed ozioso) e tutto questo per soli 5 euro.

mi sembra un ottimo affare,credo che lo prenderò.

magnesio

dopodichè ho preso insalata, pane e uova (i veri must have della spesa)

e poi si è posto il problema pranzo….e sono stata attratta dal banco del pesce.

ho sentito immediatamente una carenza di omega 3.

il pesce però costa tanto…mi sono guardata intorno ed ho visto che per soli 2 euro potevo portare a casa 2 aringhe affumicate!!!!

allora ho pensato:

 

 Bene bene bene

Le aringhe sono piene di omega 3.

questi 2 esseri puzzolenti e vagamente inquietanti sono sicuramente salutari,costano poco e,se la memoria non mi inganna,quando sono stata in  nord europa le ho mangiate e mi ricordo che mi piacquero.

mi sembra un ottimo affare,credo che le prenderò.

ed ho caricato i 2 sbigottiti pescetti (non so se avete mai visto l'espressione delle aringhe affumicate) rinsecchiti nel carrello.

Aringhe-affumicateHo pagato il conto con la certezza di chi sa che ha fatto la cosa giusta e con la soddisfazione di chi sa il fatto suo.

poi,uscita dal supermercato mi sono posta le fatidiche domande che prima o poi tutti ci poniamo nelle vita.

1) come porto a casa 6 kg di mele?

2)come si cucinano le aringhe?

3)cos'è questo orrendo fetore?

e l'unica domanda che ha trovato risposta è l'ultima.

e la risposta è :"le aringhe".

e riflettendo su queste grandi questioni ho dovuto ripercorrere i vasti spazi della periferia bolognese con la mia cassetta di mele,la mia carenza di magnesio,l'uggia,le buste e la scia di aringa affumicata che ha prodotto un certo scalpore nell'autobus.

Contrassegnato da tag

Camminare sulla Terra con passo leggero per dare un contributo all'armonia del mondo

controllori

i bei sogni,indubbiamente,finiscono all'alba.

dopo 3 anni di corse gioiose in autobus,di giri in lungo ed in largo per la città,di ritardi clamorosi al lavoro evitati solo grazie al 14 preso al volo,di biciclette abbandonate sul marciapiede perchè "ma sai che ti dico?io mi prendo proprio l'autobus e bafammoc!" beh,dopo tutto ciò, il giocattolo si è rotto,la fiamma si è spenta,la cinghia di distribuzione è saltata (non so perchè ho fatto questo esempio…in realtà stavo pensando ad una cosa che mi ha raccontato un mio amico sulla sua macchina…vabbè mi dovrei concentrare,forse)

i bei sogni finiscono all'alba ed era proprio l'alba,quando ignara di quanta cattiveria albergasse nel cuore dell'uomo,mi infilavo ingenua e gioiosa (bah veramente ero intossicata come sempre) nel mio autobussino per non dover arrivare a piedi a lavoro (visto che era ancora buio e lavoro a circa 1km e mezzo da casa).

Sarà stata l'ora,sarà stato il freddo,sarà stata la gioiosa ebbrezza con cui mi reco al lavoro al mattino (di solito mi chiedo "perchè non sono morta nel sonno?") ,sarà stata l'arroganza della mia posizione (socio lavoratore a 90°)  ma non ho gettato il consueto sguardo-scanner anticontrollore.

 

mi sono fidata…è forse una colpa "credere ancora nell'uomo"?

sono salita,mi sono seduta ed ho sentito "la voce del padrone"…2 parole che nessuno può pronunciare senza sentire paura,sofferenza,dolore.

"BIGLIETTO PREGO".

voglio essere sincera con voi…50 carte regalate al comune di sti tempi non ci stanno proprio…e le ho provate tutte,ho persino accennato il mio leggendario finto pianto "CALIMERO" (sfoggiato anche subito dopo il tamponamento a catena da me provocato nella lussureggiante Via Cinzia perchè mi ero assopita al volante) ma non c'è stato verso.

ho avuto la multa.

50 euro sono andati via.

ben 8 ore e 20 di lavoro sono stati spazzati via in pochi secondi.

e con loro,è morta una parte di me.

e dedicherò questi versi di Marziale,alla croccante banconota depositata in posta…

"Una zolla morbida raccolga

le tenere ossa

e tu, terra,

non essere pesante per lei :

lei, infatti, non lo fu per te."

ave atque vale…

…sorella banconota dai caldi toni dell'arancione.

vogliamo ricordarti così…solare,frusciante e,perchè no?,arrogante.

ma potevi permettertelo,cazzo.

eri meglio di tutti noi messi insieme.(anche perchè penso che se provaste a vendere il mio corpo ad una salumeria non li apparereste 50 euro)

L'unica cosa che mi da gioia in questo momento è vedere quanto questo post trasudi classicismo,autocompiacimento ed arroganza da liceo classico.

perchè noi del classico abbiamo un solo grande talento…trasformare ogni evento in un'occasione buona per spargere spocchia e teatralità..

ed ora lasciate che io mi stenda sul mio triclinium e portatemi un'aspide…

voglio farla finita.

(ps.il titolo del post non centra nulla…però l'ho letto per sbaglio mentre cercavo il link di marziale e mi è piaciuto)

 

 

i feel so sith.(…ed anche un pò nerd.)

beh…quando devi cercare lavoro,il weekend è un momento in cui preferiresti essere messo in coma farmacologico.

non tanto il venerdì sera o il sabato,beh a quelli trovi una soluzione con qualche amico e,beh siamo sinceri,massicce quantità di alcolici.

ma la domenica pomeriggio,a quella non c'è proprio rimedio.

beh,direte voi,potevo andare al parco a fare delle foto,ma qui a Bologna,(patria dei massimi artisti con la reflex) ogni volta che esco per fare foto,finisce sempre a gara a chi ha "l'obiettivo più lungo" e la mia macchinina viene puntualmente smerdiata,nonostante il suo potentissimo zoom che ha scatenato le invidie di non pochi reflexisti minizoomdotati lettori di questo blog.

cmq,oggi avevo bisogno di pensare…e sono andata all'ikea.

beh insomma,io in nord europa penso meglio.

L'anno scorso avevo bisogno di pensare e sono andata a Stoccolma 4 giorni.

ma erano tempi diversi,la pecunia era abbondante e,come sappiamo tutti pecunia non olet…ma la povertà si…e non sa di buono.

cmq per riflettere vado all'ikea.

insomma l'ikea è piena di gente così irritantemente gioiosa,piena di speranza,felice.

le coppiette,i fuorisede che iniziano la loro esperienza,le donne incinte.

insomma,passeggio tra uno SMOOOLAND ed un BRYGGE e spero sempre che,per osmosi,un pò di speranzosità e di fiducia nel domani mi entri in circolo e mi colonizzi l'organismo.

poi,se vogliamo dirla tutta,l'autobus per l'ikea passa quasi sotto casa mia ed il biglietto per me è gratis in quanto disoccupata.(e non in virtù di qualche disposizione comunale,ma per una legge emanata da me medesima che,in questo periodo,mi consente di viaggiare gratis nei mezzi pubblici,di poter prendere manciate di caramelle dalle ciotole nelle sale d'attesa e di insultare con vigore chiunque mi infastidisca esteticamente in strada).

e poi in realtà ho la carta IKEA FAMILY e posso prendere il caffè gratis…e già questo è un ottimo motivo per muovere le terga dal divano che non ho.

oggi quindi passeggiavo per l'IKEA e riflettevo…e non so per quale motivo,quale collegamento mentale strano mi ha fatto pensare a STAR WARS…pensavo a tutta la questione dei cavalieri jedi,dei sith ed ho ricordato le parole del grande maestro yoda (chino il capo in segno di rispetto)

"La paura è la via per il Lato Oscuro. La paura conduce all'ira, l'ira all'odio; l'odio conduce alla sofferenza. Ah… Io sento in te molta paura.!

Le parole del maestro mi hanno fatto riflettere.

ho pensato che,da qualche anno,ho ceduto al lato oscuro della forza.

insomma,non sono semplicemente un'autostoppista salita per sbaglio sulla morte nera…io la sto proprio pilotando!!!!il codice dei sith?beh è il mio mantra personale da un bel pò…e questo non giova.

sono come il giovane anakyn skywalker lentamente corrotto dal lato oscuro a causa della mia impazienza, immaturità, insicurezza e paura di perdere le persone care…

fluttuo nell'iperspazio della depressione con un andamento sinusoidale…il che mi porta,come in un circolo vizioso a scegliermi lavori di merda,a girare a vuoto in cerca di qualcosa che non so nemmeno io cos'è,ad imbarcarmi in storie futili quando va bene,spaventosamente autodistruttive quando va meno bene,ad infiammarmi,a litigare con tanta gente e poi ad "annocciolinarmi" nel mio autismo personale.

Nello spazio lampade,abbagliata da 3000 lampadine (a basso consumo) ho esclamato (ovviamente in mente eh) "Si,hai ragione piccolo maestro verde…la tua saggezza è grande."

le parole di Yoda mi hanno aperto gli occhi…ed ho capito che c'è una cosa importante che io devo fare…e devo farlo per il bene e l'armonia di tutto l'universo…

DEVO TROPPO RIVEDERE TUTTO STAR WARS!!!!

(tranne il 2…insomma quello è proprio indegno!puah!)

i feel so sith.

Contrassegnato da tag , ,

lo stato dell'arte.

pensavamo di averla schivata,

pensavamo che un'imponente ondata di autostima l'avrebbe scacciata via,

pensavamo tante cose,ma erano clamorosamente sbagliate.

ed alla fine,eccola qui,prepotente e violenta,la classica…

depressione di settembre!!!!!

[scroscianti applausi]

Settembre è il mese in cui,da anni,i miei contratti lavorativi (leggi "schiavitù") scadono e la mia figura professionale viene sostituita da volontari non pagati (maledetti) preti (maledetti),volontari del scn o qualunque altra volenterosa e gratuita figura ed io mi trovo a ri-ri-ri-cercare lavoro…

è buffo ma la mia prestigiosa laurea a pieni voti nel miglior ateneo italiano mi ha aperto una succulenta posizione come venditrice di wurstel allo stadio.

eh si…l'anno scorso lavoravo in una scuola media,mi chiamavano PROF.,indossavo persino una giacca di velluto a coste (da vera prof. di harvard) ed ora probabilmente girerò in shorts sullo stadio,brandendo alimenti dalla spiccata forma fallica e sarò chiamata "hey tu"

ma non voglio parlare di questo.

oggi vi parlerò di un delizioso personaggio…la mia coinquilina.

la mia coinquilina ha una sola missione: mostrarmi il lato positivo di ogni singola merdosa cosa.

ed ogni giorno è come se prendesse una gigantesca caccona fumante,la lucidasse, ci piazzasse sopra un ombrellino colorato,un biscottino e me la mostrasse con uno sguarda supplichevole chiedendomi "Non è carina?"

no,non lo è.

ma il campo in cui la mia coinq da il meglio,sono i rapporti con l'altro sesso.

la mia coinq.ha deciso che io ho bisogno di stabilità sentimentale.

quindi il più delle volte mi trovo ad osservarla con terrore mentre fissa sognante un punto in alto a destra e con le mani giunte e piene di speranza mi fa: "io ti vedo sposata ad un dottore…o ad un ing."

io ho difficoltà a vedermi viva domani…e lei mi vede sposata.

ovviamente la cosa mi produce una mole non indifferente di panico…insomma io ho il terrore dell'abbandono…non prendo neanche un cane perchè probabilmente,arrivata l'estate,mi caricherebbe in auto e mi abbandonerebbe sull'autostrada.

ma lei no.

lei mantiene alta la speranza e mentre io mi pongo come unico obiettivo sentimentale quello di mantenere alto il mio standard di femmina alfa dell'appartamento,lei visualizza claustrofobici scenari futuri di me moglie e madre felice che adempie alla sua missione di donna.

la cosa buffa è che questa sua incrollabile fede non crolla nemmeno davanti alla realtà oggettiva.

quindi se io affermo,irritata,di non volerla questa stabilità,lei mi risponde che "non è possibile,tutti vogliono la stabilità".

se io dico di non volere figli mi risponde che ora dico così…ma quando sarò sposata al mio dottore/ing./altro professionista pluripagato a caso cambierò idea e (e questa è la perla migliore) "secondo me nel giro di un anno farai tutte e 2 le cose".

[ohmadonna]

e riesce a vedere "Il tipo giusto" in qualunque pervertito bussi alla mia porta.

quindi il tizio che mi propone "casa mia?" come meta di un eventuale primo appuntamento,per la mia coinquilina è chiaramente "un tipo gentile che vuole mostrarti casa sua…"

la sua fede valica i confini della logica,della decenza e del buonsenso.

la cosa brutta dell'avere a che fare con gli ottimisti è che non puoi batterli…

mai.

Contrassegnato da tag

Il commentatore quasi anonimo!

Cari,

questo blog stava perdendo smalto.

forse perchè per un certo periodo mi sono sentita felice,forse perchè avevo perso quella naturale vena acida e quell'odio diffuso per l'umanità tutta che era un pò la linfa vitale di questo blog.

i motivi potrebbero essere molteplici e non ha senso star qui ad indagarli tutti.

piuttosto concentriamoci su questioni più importanti:

finalmente questo blog ha di nuovo un commentatore anonimo malandrino!!!

yeeeeeeeeeeeeeeee…insomma,era dai tempi del post su ligabue che non mi ritrovavo un commento sgrammaticato e velatamente offensivo e sappiamo tutti che un blog senza C.A.M. (Commentatore anonimo malandrino) non è un vero blog.

beh,ad onor del vero non si tratta di un vero e proprio commentatore anonimo…perchè essendo scaltro come una faina e furbo come una volpe il suddetto si è fatto subito riconoscere nella persona dell'ex ragazzo di una delle migliori amiche di sorellecontro…ma noi non siamo tipo pedanti e ignoreremo questo trascurabile dettaglio e daremo al C.A.M. il suo Warholiano quarto d'ora di celebrità.

ovviamente,per questioni di praticità,daremo al giovane commentatore un nome del tutto inventato…opterò per CARMINIELLO.

ma vediamo nel dettaglio il suo,senza dubbio acuto,commento:

"mi sorge una simpatica domanda: (ED IL "SIMPATICA" PROMETTE BENE…UHM CI SARà DA RIDERE)

ma uno scambio dil iquidi capronici con qualcuno?(AH E SAREBBE QUESTA LA "SIMPATICA DOMANDA"? E PER "LIQUIDI CAPRONICI" INTENDI CIò CHE NOI GENTE SANA DI MENTE CHIAMIAMO "FLUIDI SESSUALI"?…E PERCHè "CAPRONICI"? QUI LA DOMANDA SORGE SPONTANEA…MA CHE ABITUDINI HAI?PERCHè IO NON SCAMBIO FLUIDI CON CAPRE O OVINI IN GENERALE…MA VIVADDIO CHI SONO IO PER CRITICARTI???…SENTITI LIBERO DI AMARE CHI VUOI,UMANO O ANIMALE CHE SIA!!!!) sai cos'è? (COS'è COSA?) il salento è una terra frequentata inestate anche da tante famiglie, certo se si accoppiano (DALLE TUE PARTI CI SI ACCOPPIA TRA CONSANGUINEI?ALLEGRE E FRIZZANTI TROMBATE IN FAMIGLIA °_°)...c'è da pensare…però ! (MA COSA? MA CHI?E QUI IL SENSO LOGICO DELLA FRASE è ANDATO COMPLETAMENTE A FARSI FOTTERE) Eat a smile!!" magari la tua vita grama (SAI PENSO SEMPRE CHE C'è CHI STA PEGGIO…TIPO QUELLI CHE VIVONO SUL BLOG DELLA EX RAGAZZA E DI TUTTI QUELLI CHE LE RONZANO ATTORNO,TANTO PER FARE UN ESEMPIO) potrebbe sorriderti ogni tanto!! ah…salutamio lui sì…il tuo dito!! :D"

Proviamo, e lo so che per voi lettori sarà dura, a soprassedere sull'evidente antipatia del caro carminiello nei confronti della grammatica italiana e dei comuni nessi della logica aristotelica…

ma carminiello,insomma,tu ancora per offendere una donna pensi che basti accennare alla masturbazione?

insomma,la tua "offesa" sarebbe fuori moda già negli anni 70,già dopo il primo libro di ERICA JONG…

immagino che tu ti sia fermato alla terza media,ma sai,nell'ultimo secolo ci sono stati tutta una serie di cambiamenti…c'è stato Freud,c'è stata la rivoluzione sessuale e,senza scendere proprio nel sociologico,abbiamo visto tutte almeno una puntata di SEX AND THE CITY (forse tu hai visto la versione "LIQUIDI CAPRONICI AND PONTICELLI")

quindi,ammenocchè tu non stia parlando con qualche protagonista di un libro di Jane Austen magicamente piombata nella nostra epoca,dovresti trovare qualcosa di un pò più "di spessore" per offendere una donna.

Ma non temere,noi siamo vicini al tuo problema e non ti lasceremo solo…provaci ancora…

e ti consiglio di evitare la scontata dicotomia troia/figadilegno,il banale "sei un cesso" perchè,ti dirò,non lo sono quindi sarebbe inefficace e tutta la sequela delle offese grevi che fanno un pò Aristofane (ma insomma,lui era Aristofane…magari poteva anche permetterselo,tu no)…

Ovviamente i lettori del blog sono invitati a darti una mano…potete partecipare all'attività benefica "AIUTIAMO CARMINIELLO AD OFFENDERE SORELLECONTRO".

fate una buona azione verso i più sfortunati…il tuo aiuto,dove serve.

Please allow me to introduce myself,I'm a man of wealth and taste.

…Carissimi…

con la mia amica "nano" qualche giorno fa sono partita con tenda,sacco a pelo e grandi sogni,per conquistarmi un posto nel mondo.

purtroppo la seconda settimana di agosto non è un momento adatto a cercare un posto nel mondo ed io e la suddetta "nano" dopo varie peripezie che non starò a raccontarvi, siamo sbarcate,nostro malgrado,in un noto puttanaio vacanziero del sud italia di cui non farò il nome (gallipoli).

in questo luogo segreto (gallipoli) di cui non farò il nome (gallipoli) ad agosto sbarca la crema della gioventù partenopea,il che si traduce in "pustegge"(approcci con intenti dichiaratamente sessuali) avvilenti che vedono come bersaglio qualunque forma di vita respirante di sesso femminile.

Sinceramente non credo di essere sta gran bellezza però devo dire che ultimamente vado via come il pane,forse perchè sono alta e magra (cosa che in questa epoca è sinonimo di gnoccaggine) ,ho gli occhi grandi,forse sono timida ed ad un occhio poco attento sembro una che "se la tira" o chissà cosa altro.

fatto sta che mi sono ritrovata bersaglio di approcci imbarazzanti a cui ho risposto nell'unico modo di cui sono capace: cavillando all'infinito fino ad annoiare a morte il "pusteggiatore"

Il punto è che bisogna essere molto selettivi,insomma dobbiamo riconoscere che siamo cresciuti sotto l'egida di certi valori e sappiamo tutti che il fine ultimo dell'attività sessuale è uno solo:

vantarsi la mattina dopo con le proprie coinquiline e fare tutte insieme la "danza della pellecchia".

cmq per praticità (e soprattutto perchè "stilare liste" mi rilassa) ho deciso di scegliere le 3 peggiori approcci ricevuti e regalarvi la TOP 3 DELL'ESTATE:

THE WORST PUSTEGG EVER!!!!

3)FATHER AND SON.

cammino con la brava "nano" in campeggio,quando un ragazzino da scuola media accompagnato dal padre ci incrocia arrivando dalla direzione opposta…il padre ci strizza l'occhio e ci dice,sornione,:"BELLE DOVE VE NE ANDATE DA SOLE?VENITE CON NOI".

un padre…

con il figlio adolescente…

mi si è aperto davanti agli occhi uno scenario raccapricciante di disgustosi intrecci familiari…

 

decisamente no.

    

2)IL BUONGIORNO SI VEDE DEL MATTINO.

un bel mattino mi alzo,apro la mia tenda,tiro fuori dall'apertura la mia testa scarmigliata,gli occhi ancora cisposi (vabbè tutto questo per far capire quanto fosse poco appetibile il tutto) e mi trovo davanti un tizio con cui avevo parlato la sera prima,fermo lì da non so quanto,che mi fa: "PRINCIPESSA(???)….IO VOGLIO DORMIRE CON TE!"

sicuramente.

3) MAMMA,CHE NE DICI DI UN ROMANTICO A MILANO?

cammino per i beati cazzacci miei,quando ho il seguente dialogo surreale con un tizio

TIZIO: scusa sei di Milano?

IO: no

TIZIO: no,perchè hai gli occhi belli come il lago di Como

IO: sai che il lago di Como non è a Milano?è a como…perciò si chiama lago di como…altrimenti si sarebbe chiamato "lago di milano"

TIZIO: e che c'è a Milano?

IO: i navigli

TIZIO: allora hai gli occhi belli come i navigli.

i navigli,per chi non lo sapesse,sono dei canali puzzolenti,in cui abitano topi,caimani,cadaveri,virus della peste ed altre amenità.

tu si che sai come alzare l'autostima di una donna

 

 

Contrassegnato da tag